0 Shares 17 Views
00:00:00
14 Dec

Arrestato in Francia Burzum. Stava progettando una strage?

LaRedazione
17 luglio 2013
17 Views

Arrestato in Francia Burzum. Il musicista norvegese, all’anagrafe Varg Vikernes, ma meglio noto con il nome della band black metal di cui è il fondatore e il solo membro fisso, è stato fermato stamane – martedì sedici luglio – nella sua fattoria a Salon-la-Tour, nel dipartimento della Corrèze, dove vive con la famiglia (moglie e tre figli). Stava progettando una strage? L’accusa è proprio questa. Sembra infatti che la polizia si sia messa sulle sue tracce dopo l’acquisto, operato da sua moglie, di ben quattro fucili. ‘Burzum’ e consorte frequentano un poligono di tiro, al quale sono regolarmente iscritti, e l’acquisto è stato legale, ma gli accertamenti proseguono e i due sono ritenuti ‘potenzialmente pericolosi’.

Vikernes ha infatti diversi precedenti penali, anche gravi. Negli anni Novanta è stato riconosciuto colpevole dell’incendio doloso di tre chiese, e nel 1993 è stato condannato a ventuno anni di carcere (poi ridotti a sedici) per l’assassinio di Øystein Aarseth detto ‘Euronymous’, altro musicista black metal, della band dei Mayhem.
Varg Vikernes è inoltre da sempre vicino ad ambienti di estrema destra, e non è nuovo a esternazioni – raccolte sul suo blog – razziste, xenofobe e neonaziste. I testi dei suoi Burzum schiudono le porte a un immaginario neopagano, impregnato di leggende e tradizioni nordiche, e la musica che li accompagna è spesso violenta e ipnotica (a parte una svolta ‘ambient’ maturata in carcere, dove registrò due album).
Sembra poi che ‘Burzum’ sia stato tra i destinatari (una lista di circa trecentocinquanta persone) del cosiddetto ‘manifesto’ di Anders Breivik, il responsabile della strage di Utoya, nell’estate di due anni fa. Oltre mille deliranti pagine grondanti xenofobia e razzismo. Anche questa circostanza avrebbe messo in allarme la polizia.
Personaggio decisamente controverso e dai molti lati oscuri, Vikernes resta quindi intrappolato nel suo passato turbolento, dal quale non riesce a venir fuori. Continua a camminare sul filo del rasoio e a far parlare di sé, fino appunto all’arresto di oggi, e all’accusa di progettata strage.

Loading...

Vi consigliamo anche