0 Shares 21 Views
00:00:00
16 Dec

California: Italiana uccisa da un’auto pirata durante il viaggio di nozze

LaRedazione - 5 agosto 2013
LaRedazione
5 agosto 2013
21 Views

Una giornata di festa che assume le tinte fosche della tragedia. E’ quanto avvenuto a Los Angeles, durante la luna di miele di Alice Gruppioni e suo marito, in un caldo pomeriggio di agosto. La coppia passeggiava per la strada, immersa fra passanti e bancarelle, quando una macchina è sfrecciata d’improvviso investendo i passanti e la povera Alice che è morta sul colpo. Le immagini del video di un ristorante del posto ci documentano la tragedia.

I due si erano sposati lo scorso 20 luglio, e stavano completando il loro viaggio di nozze. Il marito, sconvolto, non si è ancora ripreso dallo shock. “Non ci posso ancora credere, e non ricordo nemmeno esattamente la dinamica, è tutto molto confuso” dice affranto Christian Casadei.

Il video ci mostra un uomo sulla trentina, biondo, carnagione chiara, che indossava un pantaloncino bianco con camicia nera. Poi, salito in macchina e senza nessun motivo, ha cominciato a sfrecciare lanciandosi contro i passanti che stavano camminando per le vie di Venice Beach. Un impatto che ha causato undici feriti e la morte della nostra concittadina. Non è incidente, come qualcuno potrebbe pensare, ma il gesto cosciente di un folle. La dinamica parla chiaro, così come il filmato: l’uomo ha creato il tamponamento di proposito. Prima ha cercato di parcheggiare. Poi è sceso dalla macchina e s’è messo a passeggiare per poi risalire in auto e tamponare le persone. Dopo il tamponamento è sceso dall’auto e si è dato alla fuga lasciando dietro di sé un mare di sangue e la morte di una sfortunata sposa.

L’ultimo aggiornamento è di domenica sera. Secondo il L.A. Times un uomo che corrisponde a quello del filmato si è costituito alla polizia. Si chiamerebbe Nathan Campbell ed è stata fissata una cauzione per un milione di dollari. Cauzione o meno, se le indagini dimostreranno con certezza che sia lui l’assassino della povera Alice, ci viene da chiedere se la giustizia americana sarà in grado di dare la giusta pena a questo mostro. Un uomo che ha distrutto inesorabilmente la vita di due sposi, e quella delle loro famiglie, oltre ai progetti di una coppia che contava di vivere un futuro armonioso e ricco di vitalità.

Ora tutti si chiedono: ma perché? Perché questa esplosione di violenza? Negli Stati Uniti, cronache recenti, ci hanno spesso informati di episodi in cui la follia diventa protagonista della vita quotidiana. Avviene tutto in un attimo, in pochi secondi che ti cambiano la vita, in cui uomini apparentemente tranquilli si trasformano in autentici mostri per vendetta personale, pazzia, odio contro la società. I motivi possono essere tanti, però niente potrà restituire indietro Alice nelle braccia di suo marito.

Loading...

Vi consigliamo anche