0 Shares 18 Views
00:00:00
14 Dec

Condannati per frode fiscale gli stilisti Dolce & Gabbana

20 giugno 2013
18 Views

Gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono stati condannati dal Tribunale di Milano a un anno e otto mesi di carcere ciascuno, al termine di un processo di primo grado per una presunta evasione fiscale da circa un miliardo di euro.

Inoltre dovranno risarcire, assieme agli altri imputati, l’Agenzia delle Entrate, costituitasi parte civile nel processo, con 500mila euro a titolo provvisionale.

Lo ha deciso il giudice Antonella Brambilla. Sono stati condannati anche Alfonso Dolce, fratello di Domenico, Cristiana Ruella, amministratrice pro tempore della Gado (ma anche membro del consiglio di amministrazione di Dolce & Gabbana) e Giuseppe Minoni, direttore amministrativo e finanziario di Dolce & Gabbana. Condannato a un anno e otto mesi il commercialista della multinazionale, Luciano Patelli.

Il caso per il quale i due stilisti erano a giudizio risale al 2004, quando, secondo l'accusa, i due fondatori della multinazionale della moda avrebbero venduto i loro marchi D&G e Dolce & Gabbana alla società di comodo lussemburghese Gado, di cui sono soci, a un prezzo molto basso, per non pagare un miliardo di euro di tasse.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno negato le accuse e hanno dichiarato che ricorreranno in appello. ”Leggeremo le motivazioni e impugneremo in appello”, ha detto il loro avvocato, Massimo Dinoia, aggiungendo: “Nel processo milanese a carico, tra gli altri, di Dolce e Gabbana si assiste al paradosso dei paradossi, perché non è possibile che un cittadino paghi di tasse il doppio di quanto guadagna”.

Mmmh… Sarà andata proprio così? Staremo a vedere.

[foto: Maxim Blinkov/Shutterstock.com]

Marina Ferro

Loading...

Vi consigliamo anche