Nuovi retroscena sul giallo di Gravina di Puglia

E’ancora giallo sul ritrovamento dei due corpi dei piccoli Ciccio e Tore, i due ragazzini ritrovati in fondo ad un pozzo nel centro di Gravina di Puglia.

Il padre filippo Pappalardi è in carcere con l’accusa di duplice omicidio e occultamento di cadavere. I bambini sono scomparsi nel giugno del 2006 e sembra si siano nascosti lì per fuggire all’ ira del padre.

Ma sarà realmente questa la realtà dei fatti o qualcuno gli ha spinti deliberatamente giù in fondo a quel pozzo?

Una confessione chiave nella ricostruzione della vicenda è quella di Domenica , la madre di uno dei tre ragazzini che fino ad oggi affermava avesse giocato con i due fratellini il giorno della scomparsa, il 5 giugno, fino alle 21 ( ciò implica che a quell’ ora fossero ancora in vita) e che dopo fosse stato il padre a venirli a prendere in macchina e a portarli via con se.

Adesso la donna afferma: "potrei aver sbagliato data".

Ciò ovviamente implica una complicazione nelle indagini. Intanto la polizia continua a cercare tracce del padre nella zona del ritrovamento dei due cadaveri o di chiunque possa saperne di più sull’accaduto. Il magistrato sarà chiamato a decidere sulla sorte del padre: resterà in carcere o verrà scarcerato?