0 Shares 19 Views
00:00:00
17 Dec

Berlusconi: confermata la condanna a 4 anni nel processo Mediaset

Marina Ferro - 9 maggio 2013
9 maggio 2013
19 Views

Silvio Berlusconi è stato dichiarato colpevole di frode fiscale. Questa è la sentenza dei giudici della seconda sezione della Corte d'Appello di Milano, che si è così pronunciata relativamente alle presunte irregolarità nella compravendita dei diritti tv delle reti Mediaset. I giudici quindi, dopo quattro mesi di udienze, hanno deciso di confermare la sentenza di primo grado per il leader del PdL: si tratta di quattro anni di reclusione (che però con l'indulto passano a uno), oltre a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici e un risarcimento di 10 milioni di euro all'Agenzia delle Entrate.

Oltre a Berlusconi, è stato condannato a tre anni di reclusione anche Frank Agrama, il produttore statunitense indicato dalla Procura di Milano come il "socio occulto" di Berlusconi nella compravendita dei diritti televisivi e cinematografici all'estero. Assolto, invece, il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri.

Ricordiamo che, secondo l'impianto accusatorio, gli imputati avrebbero acquistato i diritti di film attraverso una serie di intermediari e società di comodo, invece che direttamente dalle major cinematografiche, sistema attraverso il quale avrebbero gonfiato i reali pagamenti fatti e frodato così il fisco.

"Avevamo la consapevolezza che sarebbe andata così", ha commentato Niccolò Ghedini, avvocato di Silvio Berlusconi, contestando che: "non sono stati ascoltati alcuni testi che avevamo richiesto, non si è tenuto in nessun conto i nuovi documenti che avevamo presentato, non si è deciso di aspettare la Corte Costituzionale, la cui decisione è stata addirittura giudicata irrilevante". Si tratterebbe insomma a suo dire di "una sentenza al di fuori di ogni logica".

Ma per l'ultima parola su questa storia, bisogna attendere il parere della Cassazione e della Corte Costituzionale, che lascia uno spazio concreto alla possibilità della prescrizione…

[foto: ansa.it]

Marina Ferro

Loading...

Vi consigliamo anche