Berlusconi: il programma del Pdl in 12 pagine

Sette missioni sintetizzate in 12 pagine: questo il programma presentato da Silvio Berlusconi che ha dato ufficialmente il via alla campagna elettorale del Pdl.

"Da sempre per le forze della sinistra il programma non conta nulla, in quanto in tutte le passate elezioni hanno presentato un programma che poi non è stato rispettato. E’ uno specchietto per le allodole", ha iniziato Berlusconi che ha poi subito presentato le sue missioni sostenendo che "ci vuole coraggio per succedere a questo governo che ha fatto tanti danni, ma se uno sente di dover fare una cosa deve trovare il coraggio di farlo".

Le sette missioni sono, nello specifico: la prima missione è rilanciare lo sviluppo, la seconda è sostenere la famiglia, la terza riguarda più sicurezza e più giustizia. La quarta missione è relativa ai servizi ai cittadini, la quinta è dedicata al Sud, la sesta al federalismo e la settima ad un piano straordinario di finanza pubblica.

Nello specifico il Cavaliere parla di aumento delle pensioni minime, taglio dell’Ici, detassazione degli straordinari e della tredicesima ma anche di "esclusione degli sconti di pena per chi è recidivo e per chi commetta reati particolarmente efferati e inasprimento delle pene per i reati più odiose contro minori e donne".

Via libera, infine, al nucleare senza il quale, ha affermato Berlusconi, "non c’è alternativa".