Bocciato il simbolo de La Destra

Il Viminale ha rifiutato il simbolo depositato dagli esponenti de La Destra, il partito di Francesco Storace che presenta Daniela Santanchè alle prossime elezioni.

Sembra però che il team di Storace sia già al lavoro per presentare le modifiche al simbolo, dal momento che i depositanti possono modificare il loro simbolo entro 48 ore o presentare ricorso all’ufficio centrale elettorale nazionale presso la Corte di Cassazione.

L’articolo 14 della legge elettorale stabilisce infatti che "non è ammessa la presentazione di contrassegni identici o confondibili con quelli presentati in precedenza ovvero con quelli riproducenti simboli, elementi o diciture, o solo alcuni di essi, usati tradizionalmente da altri partiti".

Il ministero dell’Interno, dopo aver esaminato i 177 contrassegni depositati per le elezioni politiche del 13 e 14 aprile, ne ha ammessi 147; in 21 casi (tra cui Storace) il ministero ha invitato i depositanti, in base alla normativa vigente, alla sostituzione del contrassegno entro 48 ore dalla notifica mentre i nove restanti contrassegni sono stati dichiarati senza effetto per carenza di documentazione.