Ecco il programma del Pd di Veltroni

Il Partito democratico ha ufficializzato il suo programma elettorale, già ampiamente illustrato nel corso delle precedenti settimane (sopratutto durante l’Assemblea costituente del Pd il 16 febbraio scorso) e ora diventato realtà, con Veltroni che lo considera "un programma realistico e ambizioso perché non è fatto di annunci e promesse ma indica anche la copertura finanziaria e al tempo stesso è un testo di innovazione per imprimere l’accelerazione riformista che serve al Paese".

Il programma del Pd si articola in 12 "azioni di Governo" la prima delle quali riguarda le coperture finanziari, e al suo interno sono affrontati anche tre temi etici; le 12 azioni di Governo hanno una premessa sul collocamento dell’Italia nel mondo, con un forte ancoraggio del nostro Paese all’Europa, alle organizzazioni multilaterali e all’Alleanza Atlantica.

Il documento identifica quattro problemi dell’Italia: inefficienza economica, disuguaglianza, poca libertà di perseguire il proprio disegno di vita e scarsa qualità della democrazia.

Viene quindi dato un metodo per affrontare e risolvere questi problemi, e cioé un "nuovo patto per la crescita della produttività totale dei fattori", che riprende l’idea del patto sociale del 1993, che permise all’Italia di superare la crisi economica.

Il programma affronta anche tre temi etici, non con un capitolo a sé stante, ma trattandoli all’interno di due diversi punti; nella parte riguardante "garanzie e diritti", si afferma che "il Pd intende prevenire l’accanimento terapeutico anche attraverso il testamento biologico" e che "il Pd promuove il riconoscimento dei diritti delle persone stabilmente conviventi" mentre nella parte riguardante lo stato sociale e la sanità si afferma che "la legge 194 è una legge equilibrata, che ha conseguito buoni risultati, e va attuata in tutte le sue parti".