0 Shares 18 Views
00:00:00
18 Dec

Amministrative 2013: sole, mare e… ballottaggi

Michele Antonelli - 28 maggio 2013
28 maggio 2013
18 Views

La data scelta dal Ministro dell’Interno Cancellieri per i ballottaggi è il 9 e 10 giugno, di nuovo una domenica e lunedì, per concedere a tutti i volenterosi e determinati elettori di tornare belli abbronzati dopo un week-end al mare e adempiere al loro compito di cittadini modello.

Con l’eccezione di Pisa, Massa, Vicenza e Sondrio, dove emerge la vittoria netta dei rispettivi candidati di centrosinistra al primo turno, sono molti i comuni per i quali si profila il ballottaggio.

A Roma, ovviamente, ma anche a Siena, Brescia, Lodi, Imperia, Ancona, Viterbo, Avellino e Barletta, si diceva, gli stessi volenterosi e sempre più determinati elettori potranno armarsi nuovamente di documento e scheda elettorale e, impugnata la matita come fiamma olimpica, rinnovare con decisione il segno della democrazia sulla scheda per poi apporla, cercando nel contempo di controllare l’eccitazione, nel tripode olimpico dell’urna elettorale… un onorevole scatolone.

Vincerà il candidato che raggiungerà la maggioranza relativa. Il gioco si fa serio.

Peraltro, considerati i dati sull’affluenza alle urne, i volenterosi e sempre più determinati elettori rischiano di divenire specie rara, tanto che i cervelloni dei sondaggi, quelli, per intenderci, che azzeccano le previsioni solo quando dichiarano l’opposto di quello che dichiarerebbero, affidano al clima meteorologico le sorti delle votazioni: un fine settimana di caldo e sole potrebbe abbassare il dato dell’affluenza a livelli 'sahariani'.

In ultimo, lo scontro fra i candidati nei comuni che andranno al ballottaggio è anche, ormai per tradizione, scontro fra i due partiti PD e PdL; come dimenticare le trasmissioni di Vespa e Mentana piene di bandierine rosse e blu piazzate sulle regioni d’Italia, manco fosse la scelta delle spiagge più belle della Fondazione per l'educazione ambientale?

Il fatto che quegli stessi due partiti governino insieme in Parlamento è solo una, ulteriore, nota di colore.

Michele Antonelli

Loading...

Vi consigliamo anche