0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Punto da calabrone muore ex rugbista

LaRedazione
20 agosto 2013
10 Views

L’ex atleta 46 enne, passeggiava con il suo fedele cane in una zona pedonale di via Sestri a Genova. Verso le ore 10, a metà mattinata dopo la solita sosta al bar Verde Salvia per l’abituale caffè, quattro chiacchere con il cameriere e poi prosegue la passegiata nella via dello shopping.
Ma pochi minuti dopo ritorna barcollando verso il bar e crolla a terra privo di forze.

L’uomo che ha prestato i primi soccorsi a Donati racconta che l’ex atleta avrebbe fatto appena in tempo a riferire di essere stato punto da un calabrone. Poi la perdita di conoscenza. Alcuni testimoni raccontano che il Donati avesse anche tentato di uccidere l’insetto. Il soccorritore non ha potuto far altro che sorreggergli la testa fino all’arrivo dei paramedici.
Ma lo shock anafilattico lo ha ucciso prima che i soccorritori del 118 riuscissero ad intervenire.

La Croce Verde di Sestri è stata tempestiva ed ha impiegato pochissimi minuti a raggiungere il bar ma, anche un’ora continuata di tentativi di rianimazione non è servita a fargli riprendere conoscenza.
E’ bastato una sola puntura per ucciderlo. Nel frattempo amici e conoscenti avvertono la moglie di Andrea Donati che, purtroppo, quando sopraggiunge trova l’ambulanza ferma ed il medico del 118 che le comunica che non c’è stato nulla da fare.

La notizia della morte assurda si sparge rapidamente nel quartiere. Molti amici e conoscenti raggiungono il luogo della tragedia.
Tutti conoscevano Andrea Donati, oltre un metro e ottanta centimetri, spalle larghe e possenti, amante dello sport e dei giovani che si rivolgevano a lui per imparare a fare rugby.

Aveva giocato in terza linea nel ruolo di tallonatore nel Cus Genova e attualmente allenava la squadra giovanile under 16 Provincia dell’Ovest.

Soltanto 46 anni, Andrea Donati, lascia moglie e due figli.

Il Pubblico Ministero di Genova Federico Manotti, decide di aprire un fascicolo modello 45, cioè senza ipotesi di reato, dunque senza indagati.

Vi consigliamo anche