0 Shares 15 Views
00:00:00
12 Dec

Viva l’Ecofestival! Il 19, 20 e 21 aprile a Roma

6 aprile 2013
15 Views

Seconda edizione del Think Green Ecofestival dal 19 al 21 aprile: l’appuntamento romano con l’ecologia e la sostenibilità che quest’anno gode di una location d’eccezione, nientemeno che l’Ente Parco dell’Appia Antica.

Patrocinato dall’XI Municipio, dall’Ente Parco e dall’Earth Day e organizzato dall’associazione Think Green Factory, la tre giorni si muove con passione fra tutti i temi legati alla sostenibilità ambientale. Un’attenzione particolare, nell’edizione 2013, viene data alla mobilità sostenibile, al riciclo e agli orti urbani attraverso conferenze e dibattiti, ma anche performance e istallazioni, mercatini e degustazioni.

Il Think Green Ecofestival è un'iniziativa nata per promuovere la sostenibilità ambientale a Roma”, dichiara Francesca Cencetti, presidente della Think Green Factory;

il festival è stato pensato per dare alla città un appuntamento dedito alla green economy promossa non da grandi aziende, ma principalmente da movimenti, gruppi, associazioni e liberi professionisti di ogni settore. I temi portanti di questa seconda edizione saranno riciclo, orti e mobilità e portare questi messaggi in una location d'eccezione quale l'Ente Parco Appia antica è per noi un grande onore".

Insomma, un grande villaggio a misura d’uomo per diffondere uno stile di vita ecologico e antispreco; approccio che gode, negli ultimi anni, di un ritrovato interesse dovuto anche, certamente, ai problemi economici.

Fare acquisti presso gli stand artigianali del riciclo o dai produttori enogastronomici locali, mettere a punto la propria bicicletta, praticare yoga o anche solo rilassarsi nell’area relax, ascoltando istallazioni sonore con sperimentazioni di suoni della natura e gustando pranzi, cene e aperitivi rigorosamente bio; tutto questo e molto altro dalle 16 di venerdì alla mezzanotte di domenica all’ex cartiera dell’Ente Parco.

Appuntamento all’Ecofestival quindi, per conoscere e discutere di buone abitudini, ormai non solo ad appannaggio esclusivo dei più radical, ma di tutti: necessità trasformate in virtù, e viceversa.

Michele Antonelli

Vi consigliamo anche