0 Shares 12 Views
00:00:00
12 Dec

Gay a Roma, arriva la guida con le zone da evitare ed è polemica

16 dicembre 2009
12 Views

A Roma si respira un clima strano? Niente paura, fa sapere  il capogruppo di Sinistra e Libertà in Provincia di Roma, Gianluca Peciola, che ha stampato un vero e proprio manuale di sopravvivenza per turisti gay in visita nella Capitale.

"Per il turista gay"
la guida sconsiglia "vivamente le zone del Colosseo o Gay Village. Rischio accoltellamenti, pestaggi e insulti omofobi".

Immediate le reazioni di Imma Battaglia, presidente del Di Gay Project secondo cui "pur di fare provocazione e polemica politica ormai,si arriva al paradosso in questo Paese. Non si accorge Peciola che questa provocazione non serve a nulla se non ad alimentare odio, paure e insicurezze che rischiano di essere soltanto fraintese e manipolate? Un cittadino comune avrà sempre più paura di frequentare luoghi di aggregazione costruiti con tanta fatica dalla comunità gay e che vanno invece sostenuti e rafforzati. Questi consigli sono uno sconsiderato autogol di Peciola che di fatto aggredisce tutta la comunità gay".

la guida non si ferma ai gay e per esempio al turista in moto consiglia di "evitare le strade alberate senza equipaggiamento protettivo. Causa caduta rami e alluvioni", al turista Rom di "assicurarsi di non essere il rom numero 6001. C’è il numero chiuso. Per il turista extracomunitario a cui scade il visto turistico: Comune e Stato assicurano vitto e alloggio gratis nel comodo centro di accoglienza di Ponte Galeria" mentre al turista amante della musica di "dotarsi di repertorio musicale adeguato. In città, a meno che non vi piaccia Califano, difficile trovare concerti, specie se gratuiti".

Provocazione da parte di Peciola, si attendono le reazioni…

Vi consigliamo anche