0 Shares 12 Views
00:00:00
11 Dec

Madonna a Roma, sopralluogo nella sua nuova palestra

LaRedazione
20 agosto 2013
12 Views

Neanche un mito può sottrarsi alle spire della burocrazia. Così Madonna, intenzionata ad aprire ben quattro palestre nella città eterna, è arrivata in Italia per controllare di persona lo stato di “non avanzamento” dei lavori. Il primo dei quattro centri fitness in programma, infatti, avrebbe dovuto già essere inaugurato a Roma oltre cento giorni fa; un ritardo che ha creato molto imbarazzo, soprattutto economico.

Per lanciare il nuovo centro, infatti, era stata pianificata una campagna promozionale particolarmente accattivante, basata sulla vendita di abbonamenti super-scontati. Dal sito ufficiale, intanto, è stato cancellato il conto alla rovescia che, dal 14 febbraio scorso, scandiva i fatidici cento giorni. L’apertura è prevista, al momento, per l’autunno inoltrato ( probabilmente per il 4 di ottobre). Ma qual’è, in effetti, il problema che ostacola il tanto atteso “Hard Candy”? La nostra capitale, in verità, non è nuova a questo genere di situazioni: moltissime sono state, negli ultimi anni, le nuove aperture rimandate a causa di intoppi tecnici e lungaggini burocratiche. Eppure, in questo caso, gli organizzatori dell'”Hard Candy” romano smentiscono: ” I ritardi non sono legati ad un problema di permessi” dichiarano “ma a precise scelte del management d’Oltreoceano.Madonna verrà a visitare lo stato di avanzamento del cantiere e annuncerà la data dell’apertura.”

La cinquantacinquenne regina del pop è arrivata ieri all’aeroporto di Ciampino con un volo privato da Nizza: la visita al cantiere è prevista per oggi pomeriggio, mentre l’incontro con la stampa dovrebbe aver luogo nella giornata di domani. Madonna è apparsa come sempre in splendida forma, in maglietta nera, foulard bianco a pois e occhiali scuri. La palestra romana è una delle ultime che la popstar sta aprendo in tutto il mondo: per l’ “Hard Candy Fitness” di Roma sono stati utilizzati i locali dell’Ex Teatro Colosseo, in via Capo D’Africa. Il centro è su tre livelli ed ha un’ampiezza di circa 1.200 mq. E’dotato di numerose sale, con spogliatoi, docce, bar ed attrezzature d’avanguardia. Un progetto imponente, che, non a caso, lady Ciccone ha realizzato in società con un importante gruppo imprenditoriale romano, i Panbianchi. Eppure, nonostante il prestigio dei suoi promotori, l’impresa non è ancora stata portata a termine ed il taglio del nastro, annunciato inizialmente per il 26 maggio, è stato più volte rimandato.

Vi consigliamo anche