0 Shares 22 Views
00:00:00
14 Dec

Blobfish, l’animale più brutto al mondo

LaRedazione
13 settembre 2013
22 Views

A guardarlo sembra uscito da un cartone animato disegnato da autori malvagi che vogliono far divertire genitori e bambini, invece Blobfish è una specie in via di estinzione, un pesce che rischia di scomparire da un momento all’altro. Qualcuno potrebbe esultare e applaudire a questa notizia, ma noi ci siamo lasciati commuovere da questo brutto musetto e dalla sua forma gelatinosa. Eppure questo pesce un primato l’ha ottenuto, anche se in negativo, prendendo 795 voti sugli oltre tremila in una gara online in cui si è votato per eleggere l’animale più brutto del creato. Blob ha vinto, ed è diventato la mascotte della Ugly Animal Preservation Society. La notizia è stata diffusa durante il Festival delle Scienze che si è tenuto a New Castle tra risate e commenti goliardici.

Certo non è un bel primato per il nostro amico Blob, ma questa campagna è servita a sensibilizzare le persone e a far conoscere il grave problema degli animali che si stanno estinguendo ogni anno, a una rapidità che ha dell’incredibile, qui sul nostro pianeta. Un primato conteso alla scimmia con un naso a proboscide, alla tartaruga con il naso a maiale e alla fantomatica rana del lago Titicaca a forma di scroto e di cui davvero non sentiamo l’esigenza di approfondire l’argomento! Blob però si erge a paladino di tutti questi animali, belli o brutti che siano, perché nonostante tutto sono creature che meritano di vivere più di certi tanti esseri umani che si ritengono civili e che poi abbandonano i cani sull’autostrada. Tra l’altro lo stesso WWF lancia cifre e dati allarmanti sugli animali in via d’estinzione che sono diventati, nell’ultimo anno, un affare da diciannove miliardi di dollari per il commercio di pellicce e di altro genere.

E allora smettiamola soltanto di pubblicizzare balene, teneri panda e tartarughe millenarie quasi coetanee della regina Elisabetta e che rischiano l’estinzione: questo è il grande momento di Blobfish! Un pesce che vive nei profondi fondali marini, che spesso non viene intravisto dalle barche o dai grandi pescherecci che ne causano la morte trascinandolo nelle eliche dei loro motori. Con il suo brutto musetto Blobfish invita tutti a stare più attenti, soprattutto i marinai, e ad avere attenzione per le tantissime creature che vivono nel mare.

Siamo sicuri che sul web d’ora in poi impazzeranno le pagine dedicate a questo buffo animale e che il suo strano e orrido aspetto diventerà un marchio impresso sulle magliette di tanti giovani. Basta soltanto che questo primato raggiunto dal nostro caro Blob non sia soltanto una moda passeggera ma un impegno concreto a migliorare l’esistenza delle tante creature che vivono sul nostro pianeta.

Loading...

Vi consigliamo anche