0 Shares 10 Views
00:00:00
12 Dec

Bloody Sunday: tutti colpevoli i soldati inglesi

16 giugno 2010
10 Views

Ammissione di colpa storica quella resa pubblica ieri a Londra che proclama colpevoli tutti i soldati che nel gennaio del 1972 si resero protagonisti del Bloody Sunday, la domenica di sangue nel corso della quale a Derry furono uccise 13 persone (la 14esima morì qualche mese dopo per via delle ferite riportate).

Ieri il Parlamento Inglese ha reso noto il rapporto finale sull’evento che ha ribaltato completamente i primi verdetti, emessi subito dopo l’accaduto, quando tutti i soldati inglesi erano stati assolti.

"Sono patriottico e non voglio mai credere a niente di cattivo sul nostro Paese, ma le conclusioni di questo rapporto sono prive di equivoci: ciò che è successo il giorno di Bloody Sunday è stato ingiusto e ingiustificabile. È stato sbagliato",
ha dichiarato il Primo Ministro inglese David Cameron intervenendo ieri durante un’audizione pubblica.

Il rapporto di Lord Saville di Newdigate ha stabilito che nessuna delle vittime rappresentava una minaccia per i soldati e che furono questi ultimi a "perdere il controllo" sparando senza preavviso e senza motivazione sulla folla che protestava pacificamente a Derry contro.

Vi consigliamo anche