0 Shares 12 Views
00:00:00
13 Dec

Canzoni di Britney Spears per spaventare i pirati somali

LaRedazione
29 ottobre 2013
12 Views

Le canzoni di Britney Spears? Riescono a spaventare i pirati somali! La notizia, che tanto sta facendo sorridere gli utenti del web, giunge direttamente da un ufficiale della Marina Militare inglese, ovvero Rachel Owens: intervistato dal quotidiano Mirror, l’ufficiale ha raccontato che l’unico strumento per combattere i pirati, che nel corso dell’ultimo decennio sono tornati a popolare le acque del Corno d’Africa, è quello di mettere il CD della Spears e di sperare che le canzoni vengano udite dai malfattori.

L’ufficiale ha anche spiegato che vi sono alcune tracce che hanno un maggiore effetto rispetto alle altre: tra quelle più utilizzate e di maggiore successo contro i pirati vi sono i brani Baby One More Time, IDid It Again ed infine Oops, tutti brani che hanno avuto un discreto successo e che oggi hanno assunto un compito ben diverso da quello di far ballare migliaia e migliaia di giovani.

Ma come vengono utilizzati questi brani?
Quando la Marina avvista le navi pirata, per prima cosa li incita di arrendersi: se questi avvisi non funzionano, al terzo richiamo da parte delle forze dell’ordine, i brani di Britney Spears vengono riprodotti, e come per magia, i pirati somali fuggono via, lontani dal loro obiettivo, senza danneggiare niente e nessuno.

Si tratta quindi di uno stratagemma originale e bizzarro: ma per quale motivo i pirati scappano una volta che i brani di Britney vengono riprodotti?
La motivazione è molto semplice: non si tratta delle canzoni, come in molti sostengono, bensì dell’odio che i pirati somali provano per il mondo e per la cultura occidentale.

Pare quindi che si sia trovato un metodo originale e non violento per combattere una parte del crimine: gli ufficiali hanno anche scherzato sul fatto di utilizzare dei brani di Justin Bieber e degli One Direction, cosa che simboleggia come questi cantanti e gruppi siano visti tutt’altro che bene da coloro che non sono loro fan, considerati haters, termine che ormai è entrato a far parte del vocabolario degli utenti del web.
La diretta interessata, almeno per ora, non ha rilasciato alcun tipo di commento. C’è da sperare che i brani di Britney Spears continuino a spaventare ancora a lungo i pirati somali.

 

Vi consigliamo anche