0 Shares 11 Views
00:00:00
17 Dec

Censimento 2011, rilevatori finti e truffe in aumento per gli anziani

dgmag - 14 ottobre 2011
14 ottobre 2011
11 Views

Aumenta di continuo il numero di questionari già ricevuti dall’Istat, online e cartacei, per il censimento 2011 e contestualmente alle istruzioni su come compilare i moduli, entro quando restituirli e quali sono le eventuali sanzioni, arrivano anche le prime segnalazioni relative a sedicenti rilevatori che avrebbero iniziato ad operare in tutta Italia.

Sedicenti perchè, ad oggi, i rilevatori ufficiali dell’Istat non si sono ancora messi in moto e dunque quelli che circolano sono solo degli impostori che tentano in ogni modo di captare dati sensibili di chi sta compilando il censimento e/o inventano truffe di vario tipo per frodare chi è alle prese con i moduli.

I presunti rilevatori comunali o dell’Istat si stanno presentando soprattutto presso le abitazioni di persone anziane spacciandosi spesso chiedendo denaro per la loro prestazioni e soprattutto cercando di aiutare nella compilazione dei moduli del censimento così da avere accesso ad informazioni sensibili e poter "sbirciare" nelle case delle vittime.

L’Istat e i vari uffici comunali sparsi sul territorio hanno fatto sapere che i rilevatori inizieranno a lavorare nei prossimi giorni, che per riconoscerli basta farsi mostrare il tesserino con foto rilasciato dall’Istat e che sono obbligati a non chiedere compensi di nessuna natura per lo svolgimento del loro lavoro.

Inoltre nel caso in cui si abbiano dubbi sull’identità della persona che si presenta alla porta, basta rivolgersi all’ufficio comunale del proprio luogo di residenza per avere maggiori informazioni.

Loading...

Vi consigliamo anche