Cocaine, la bevanda energetica dello scandalo

In Inghilterra è già polemica per l’introduzione sul mercato di una nuova bevanda energetica dal nome inusuale: Cocaine.

Si tratta di una bibita che, già famosissima negli Usa, contiene il 350% in più di caffeina rispetto alla Red Bul e 750 milligrammi di taurina; negli Stati Uniti Cocaine è presentata come "l’alternativa legale" alla cocaina e, per ricreare lo stesso effetto della cocaina in gola, contiene wasabi e cannella che rendono insensibili bocca e denti.

"Cocaine è destinata a creare polemiche ma sta proprio lì la bellezza del nome. D’altronde c’è un profumo che si chiama Opium", ha dichiarato una fonte anonima al Morning Advertiser dimostrando che se la bibita avrà successo nel Regno Unito non è affatto improbabile una sua distribuzione in tutta Europa.

Secondo alcune associazioni dei consumatori, la bevanda iper-energetica americana indurrebbe al consumo di cocaina e di altre droghe anche sfruttando il marchio che richiama da vicino quello della più nota Coca Cola.

Per ora, polemiche a parte, è certo che Cocaine arriverà in Inghilterra proprio questa estate…