0 Shares 10 Views
00:00:00
13 Dec

Il conclave del 2013, ecco come funziona l’elezione del Papa

19 febbraio 2013
10 Views

A seguito delle dimissioni di Papa Benedetto XVI si è subito parlato del conclave, la "riunione" plenaria che porterà all'elezione del nuovo Pontefice e che segue dei rituali schematici grazie ai quali arrivare alla proclamazione del nuovo Papa.

Il nuovo Papa dovrebbe essere proclamato entro e non oltre Pasqua e per questo motivo il conclave dovrebbe svolgersi entro la prima metà di marzo 2013 e coinvolgerà, nella Cappella Sistina in Vaticano, i 117 cardinali che non hanno ancora compiuto 80 anni e hanno dunque il diritto di voto.

La cerimonia è segreta e ricca di procedure e riti che si aprono con il giuramento prima da parte del decano del Sacro Collegio (attualmente Angelo Sodano) poi da parte di tutti gli altri cardinali presenti; le votazioni seguono il giuramento ed avvengono tramite delle schede su cui scrivere il nome del Pontefice prescelto e che vengono poi scrutinate dai tre scrutinatori scelti prima della sessione.

Lo spoglio dei voti è la fase più complicata ed è seguito dalle fumate che sono bianca, nera e gialla: il Papa è eletto con i 2/3 dei voti totali per cui se non si raggiunge questa proporzione le votazioni sono considerate nulle e si riparte da zero; le fumate "colorate" si ottengono bruciando i documenti, le schede e tutti gli appunti legati alla singola sessione di voto.

La fumata nera indica che la votazione non ha avuto successo e nella stufa insieme ai documenti vengono gettati anche dei fumogeni artificiali, la fumata gialla è la fumata di prova per testare il buon funzionamento della stufa e la fumata bianca è quella che indica che il Papa è stato eletto e si ottiene bruciando la carta insieme ad un agente chimico bianco appunto.

Una volta eletto, il nuovo Papa viene vestito e in suo onore i cardinali pronunciano una preghiera e un canto prima che il Pontefice si affacci alla loggia della Basilica di San Pietro e pronunci la prima benedizione Urbi et Orbi dopo la tipica frase "Habemus Papam".

Vi consigliamo anche