0 Shares 17 Views
00:00:00
12 Dec

Concorso scuola 2012, ferie o permesso per i docenti precari al test di preselezione

11 dicembre 2012
17 Views

Continua il nostro conto alla rovescia in vista delle due giornate di selezione valevoli per l'accesso al concorso scolastico 2012 e oggi facciamo il punto della situazione su tutto cio' che c'è da sapere e soprattutto su come organizzarsi per quel che riguarda ferie, permessi e similari.

Secondo il Contratto Collettivo Nazionale, infatti, hanno diritto ad un giorno di permesso retribuito per partecipare ai concorsi pubblici solo coloro che sono assunti a tempo indeterminato mentre per i precari la situazione è completamente diversa e calcolando che nel nostro Paese la maggior parte degli insegnanti è precaria c'è da aspettarsi problemi a non finire nei giorni delle prove di selezione.

Infatti secondo il Contratto Nazionale i docenti assunti a tempo determinato hanno diritto a massimo 8 giorni di permessi non retribuiti per anno scolastico se devono partecipare a dei concorsi pubblici ma l'assenza per questi concorsi non permette di maturare punteggio utile per l'anzianità di servizio.

Il punto di tutto cio' è che si verifica una situazione discriminante per i docenti assunti a tempo determinato per cui questi, nonostante la legislazione europea in vigore che vieta la discriminazione verso le persone che lavorano nello stesso settore, sono nella condizione di dover decidere se prendere un giorno di ferie non retribuito o un giorno di permesso fatto salvo il principio per cui le due modalità sono praticamente equivalenti.

A questo si aggiunga anche il fatto che in Italia la maggior parte dei docenti è precaria e tra supplenti e docenti in servizio instabile i giorni 17 e 18 potrebbero essere davvero problematici per quel che riguarda il regolare svolgimento delle attività scolastiche, cosa che si ripeterà anche al momento delle prove scritte e poi degli orali.

Tornando al test, ricordiamo che prima di organizzare "la cartella della scuola" è bene prestare attenzione continuamente al sito del Miur dove potrebbero essere riportate eventuali variazioni al calendario delle prove ma soprattutto per quel che riguarda le sedi: per ora non si ha notizia di stravolgimenti ma il Ministero ha avvisato preventivamente che potrebbero verificarsi spostamenti invitando tutti a tenere sotto controllo il sito per essere aggiornati tempestivamente su qualsiasi variazione.

Ricordiamo inoltre che il bando di concorso stabilisce all'articolo 5 comma 8 che se non ci si presenta nel giorno e agli orari stabiliti e presso la sede designata si viene automaticamente esclusi dal test e che nessuna eccezione puo' essere fatta, anche dietro presentazione di eventuale certificato medico comprovante l'assenza.

Dunque se non si è ricevuta la comunicazione scritta che esclude dalla partecipazione ci si deve presentare al test portando con sé un documento di identità e il codice fiscale; a casa restano invece penne, quaderni, appunti, libri e tutti gli strumenti di calcolo e anche elettronici che potrebbero facilitare le comunicazioni, cellulari e tablet in primis.

Sarà infatti la Commissione a fornire ad ogni candidato, su richiesta, carta e penna mentre in aula non potrà entrare altro e chi sarà scoperto a copiare o ad utilizzare strumenti non ammessi potrà essere escluso con effetto immediato dalla prova di selezione.
 

Vi consigliamo anche