0 Shares 12 Views
00:00:00
18 Dec

Cuddle Party, la moda che arriva da New York

LaRedazione - 3 settembre 2009
LaRedazione
3 settembre 2009
12 Views

Metti una città metropolitana la cui parola d’ordine è produrre e ancora produrre, metti un numero infinito di persone che si sentono sole, metti anche la malcelata necessità di amare sentirsi amati ed il poco tempo per costruire un rapporto serio e duraturo. Dopodichè, immagina un luogo a pagamento in cui puoi dare e ricevere coccole. Ed ecco la formula perfetta per un Cuddle Party, ovvero un party di coccole in cui tutti si accarezzano e si abbracciano per il piacere di farlo, senza secondi fini.

Questa è la moda del momento nella metropoli americana, che dal 2004 allevia le giornate di chi ha bisogno di un gesto d’affetto. Ad inventare questa nuova formula d’amore Reid Mihalko e Marcia Baczynsky, entrambi specializzati in coaching e consulenze di rapporti di coppia.

Funziona così: ci si iscrive e ci si ritrova in una stanza ad abbracciarsi, con la certezza che non si può andare oltre. Tra le poche e semplici regole da seguire, il pigiama o un abbigliamento comodo e non sexy, un cuscino oppure un animale di peluche a cui si è affezionati, la richiesta – obbligatoria – all’altra persona di poterla toccare, e soprattutto, l’igiene. Una doccia prima degli incontri è la benvenuta. Non si negano lacrime e risate, l’importante è comportarsi bene.

Elaine di New York City
, dopo aver partecipato ad un Cuddle Party, ha detto: "avete creato uno spazio culturale in cui la comunicazione verbale e fisica non solo sono permesse, ma addirittura incoraggiate e guidate".

I Cuddle Party sono dunque diventati un’oasi d’amore per le persone che, almeno per un attimo, vogliono essere felici e non sentirsi sole nella giungla della routine cittadina. Mette un po’ di tristezza però, pensare che è necessario pagare per avere le coccole e dover assumere un coach per farsi guidare verso l’interazione e la comunicazione con il prossimo.
Speriamo che questa moda arrivi anche in Europa? Magari no, magari siamo ancora capaci di donare una carezza senza dover sborsare 20 dollari.

Loading...

Vi consigliamo anche