0 Shares 10 Views
00:00:00
15 Dec

È Francesco il nome più diffuso tra i nuovi nati in Italia

Gianfranco Mingione
20 ottobre 2013
10 Views

Il nome più diffuso tra le persone e il più popolare nella toponomastica. E’ Francesco il nome più diffuso tra i nuovi nati di quest’anno ed è evidente il contributo di Papa Bergoglio alla popolarità di questo nome a seguito della sua proclamazione. “Francesco” è anche molto presente nelle vie e nelle piazze d’Italia: il più amato dagli italiani e dalla toponomastica cittadina è, come prevedibile, San Francesco d’Assisi. Conta oltre 2 mila presenze e si colloca al 22º posto nella classifica generale delle vie e strade d’Italia, guidata da Roma, Garibaldi e Marconi. Si trova in tutte le regioni, secondo quest’ordine: Lombardia (oltre 300), Calabria, Puglia, Sicilia, Veneto, Campania, Lazio.

Perché il Papa ha scelto il nome Francesco? A rispondere è il professor Enzo Caffarelli, autore della ricerca svolta da Seat Pagine Gialle: “Ci si chiede perché nessun papa prima di Jorge Maria Bergoglio abbia scelto il nome Francesco. Le risposte sono due: intanto, prima del XIII secolo il nome Francesco era quasi sconosciuto e non aveva nulla che richiamasse un santo o la religione cattolica. Secondo, dal XIII secolo in poi nessun papa aveva mai innovato, aveva cioè scelto un nome inedito per il vicario di Pietro, se si esclude Giovanni Paolo I (ma con un composto di nomi ben presenti nell’albo dei pontefici). Prima di Bergoglio, l’ultimo nome nuovo era stato Lando, e parliamo di dodici secoli fa e di quando ancora i papi usavano il loro nome di nascita”.

E gli altri Francesco più noti? Al 2° posto troviamo una delle tre corone della letteratura italiana, Francesco Petrarca;  al è un politico  – Francesco Crispi  – e al l’eroe di guerra Francesco Baracca. Il posto spetta a un musicista – Francesco Cilea – al troviamo un uomo di letteratura – Francesco De Sanctis – e poi un altro eroe, quel Francesco Ferrucci o Ferruccio condottiero della Repubblica di Firenze ucciso nel 1530 dall’altrettanto famoso (ma in negativo) Fabrizio Maramaldo. Nella classifica dei primi 25 incontriamo poi altri tre santi: S. Francesco di Paola, particolarmente venerato in Calabria e in Sicilia, S. Francesco di Sales, fondatore dei Salesiani, e San Francesco Saverio, il gesuita spagnolo evangelizzatore dell’Estremo Oriente.

Quanti Francesco sono ricordati nella toponomastica urbana? Si tratta di ben 1.833 nomi (escludendo i Francesco Saverio, i Francesco Paolo, i Gianfrancesco, i Pierfrancesco e ovviamente i Franco). Si va, in ordine alfabetico da, Francesco Accinelli, patriota genovese del 700, ricordato in una via di Varazze (SV) a Francesco Zunini, grande medico e politico ottocentesco anche lui savonese, cui è dedicata una strada appunto nella città ligure.

Un pizzico di storia sulla diffusione del nome nel corso dei secoli. Nel XX secolo il nome Francesco è stato assegnato a oltre un milione di bambini, ed è risultato il 4º in assoluto nella graduatoria guidata da Giuseppe ( posto), Antonio (2°) e Giovanni () e davanti a Mario (), Luigi () e Salvatore (). “Francesco” ha poi conosciuto un periodo di leggerissima flessione solo tra gli anni 20 e 30, in corrispondenza del boom di Franco. Dagli anni 80 del Novecento ha, poi,  risalito le classifiche conquistando la 2ª posizione negli anni 90 e il 1ª posto in molte città e in generale in Italia all’inizio del XXI secolo, con circa 8.500 nuovi nati così chiamati ogni anno (davanti a Lorenzo, Alessandro e Andrea).

L’analisi è stata svolta da Seat PG Italia in collaborazione con il Professor Enzo Caffarelli – direttore della Rivista Italiana di Onomastica (RIOn) e coordinatore scientifico del Laboratorio internazionale di Onomastica dell’Università di Roma Tor Vergata – grazie alle informazioni di PagineBianche e Tuttocittà.

[foto: apps.microsoft.com]

Loading...

Vi consigliamo anche