0 Shares 9 Views
00:00:00
17 Dec

Elezioni amministrative 2013, si vota a maggio a Roma e non solo

dgmag - 23 gennaio 2013
23 gennaio 2013
9 Views

Nonostante si sia deciso di andare a votare per le elezioni politiche i prossimi 24 e 25 febbraio non ci sarà accorpamento e così per le elezioni amministrative ci sarà da aspettare maggio e precisamente il 26 e 27 del mese con ballottaggi eventuali il 9 e 10 giugno.

Saranno ben 600 i Comuni che andranno al voto a maggio più alcune regioni e alcune province per un rinnovo complessivo e quasi globale che potrebbe confermare o meno il risultato delle politiche di febbraio e comunque dare la misura di cio' che accadrà nel Paese nei prossimi anni.

Le modalità di voto sono le stesse di sempre per cui nei Comuni fino a 15.000 abitanti si vota usando una scheda per eleggere sia il Sindaco che i Consiglieri Comunali in quanto il voto al candidato sindaco genera anche la una preferenza alla lista che lo appoggia e viene eletto sindaco il candidato che ottiene più voti.

Diversa la situazione nei Comuni con più di 15.000 abitanti dove la scheda permette di votare in tre modi diversi: barrando il simbolo di una lista e quindi appoggiando il candidato sindaco appoggiato dalla lista stessa, tramite il voto disgiunto per cui si puo' votare una lista ma un candidato sindaco di un'altra lista oppure votando solo il sindaco barrando il nome del candidato scelto senza dare preferenze alla lista. Vince il Sindaco che ottiene il 50% più 1 dei voti validi.

Per quel che riguarda il voto provinciale valgono le stesse regole del voto nei Comuni con più di 15.000 abitanti con sistema elettorale uninominale e la stessa cosa accade per quel che riguarda le votazioni regionali.

Tra i Comuni dove si voterà a maggio ci sono Roma, Pisa e Siena mentre c'è grande attenzione per le regionali nel Lazio e in Lombardia.
 

Loading...

Vi consigliamo anche