Elizabeth Barrett, la piccola lettrice-modello

"Pensi che tuo figlio sia intelligente? Allora ascolta Elizabeth Barrett".

Così inizia la didascalia al video -inserito nel sito web foxcarolina.com– della bimba texana che a 17 mesi già legge.

Un piccolo genio, una bambina prodigio o un fenomeno da baraccone, addestrato da genitori alla ricerca di un po’ di popolarità ed esibizionismo?

Beh, è stato dimostrato che con l’esercizio si arriva a molto e, in particolar modo i bambini a quest’età hanno un’enorme capacità di apprendimento.

L’unica differenza con gli adulti -ma anche semplicemente con i bambini che iniziano a leggere all’età giusta (5-6 anni)- è che queste capacità devono ancora svilupparsi!

Curiosa, emozionante, carina, ma anche scioccante, triste e addirittura spregievole, da far pena, sono le descrizioni che le sono state attribuite.

E in effetti non si può non commentare questo sorprendente evento!

Ma non si impara a leggere alle elementari? Alla scuola materna insegnano le lettere e qualche parola, d’accordo, ma è solo in prima elementare che il bambino, nella norma, impara la lettura vera e propria, e si diverte tanto per strada a fare lo spelling delle insegne dei negozi, a fissare le targhe di macchine e scooter!

A 17 mesi invece i bimbi giocano, ridono, piangono e sono tanto curiosi. Forse allora è questo il motivo che ha portato, indubbiamente grazie all’aiuto -o spinta?- dei genitori, Elizabeth a riconoscere lettere e simboli e ad associarli ad un suono.

Una cosa è infatti associare un segno grafico ad un suono (in linguistica si parla in questo caso di fonemi) e un’altra cosa è conoscerne il conenuto, il significato (monema).

Chissà allora se questa bimba capisce ciò che legge…