0 Shares 75 Views
00:00:00
18 Dec

I problemi dell’Italia? Politici, disoccupazione e corruzione

dgmag - 2 agosto 2010
2 agosto 2010
75 Views

Quali sono i problemi dell’Italia secondo gli italiani? Stando ad una indagine Censis-Confcommercio il problema più grande in Italia è la classe politica troppo litigiosa (34,4%), prima della disoccupazione (29,6%) e della corruzione (26,2%).

Nella graduatoria dei problemi secondo gli italiani seguono l’eccessiva presenza di immigrati (17,7%), le scarse tutele per i giovani (17,4%), la presenza di troppi evasori fiscali (16,9%), le tasse troppo alte (16,8%), le forti disparita’ tra ricchi e poveri (12,2%), scuola e universita’ mal funzionanti (7,1%).

Rispetto alla media nazionale, la disoccupazione è un problema preoccupante soprattutto al Sud (il dato sale al 35%) e tra le persone con redditi familiari bassi (37,7%). La corruzione risulta odiosa soprattutto ai giovani di 18-34 anni (il dato sale al 31,1%).

La presenza di immigrati è ritenuta eccessiva soprattutto dagli anziani di 65 anni e oltre (20,5%) e dai residenti del Nord-Est (19,5%). La eccessiva pressione fiscale è avvertita soprattutto tra le famiglie con livello economico più basso (il 19,5% a fronte del 13,7% di quelle con alti redditi). Anche guardando al futuro, emerge la disillusione degli italiani nei confronti delle leadership.

Secondo il 38,4% degli italiani l’Italia nel futuro avrà una classe dirigente mediocre, per il 34,6% sarà una Italia segnata dalla crisi sociale o con troppe differenze sociali (26,9%).

Per il 16,9% l’Italia sarà un Paese in cui si vivrà ancora bene nonostante le difficoltà attuali e per il 12,9% saremo un Paese vitale e con grandi risorse; per il 12,3% in Italia la solidarietà tra le persone sarà ancora forte anche se solo il 4% del campione sostiene che l’Italia del prossimo futuro potrà contare su una classe dirigente e politica affidabile.

I giudizi più severi sulle èlite del Paese provengono dai giovani (per il 41% dei quali la classe dirigente continuerà ad essere mediocre anche nel prossimo futuro), così come dai residenti delle grandi città (47,3%) e dalle persone con livello economico familiare elevato (42,2%).

Loading...

Vi consigliamo anche