0 Shares 8 Views
00:00:00
12 Dec

IMU 2012 seconda rata: scadenza, aliquote e rincari per chi affitta

5 novembre 2012
8 Views

Cambiano i termini per la presentazione della dichiarazione IMU 2012 che, inizialmente prevista per il 30 novembre, slitta ora a 3 mesi dopo la pubblicazione del modello di presentazione nella Gazzetta Ufficiale.

Non sono tenuti a presentare la dichiarazione i possessori di una abitazione principale che non hanno apportato modifiche alla stessa mentre va presentata sempre e comunque se gli immobili sono oggetto di riduzioni di imposta e se il Comune non è in grado di determinare l'importo del tributo in base ai dati disponibili al momento della scadenza della presentazione.

E' invece prevista per il 17 dicembre la scadenza per il saldo della seconda o della terza rata dell'IMU 2012 che creerà non pochi problemi agli italiani dal momento che moltissimi Comuni hanno deciso di alzare le aliquote al massimo in modo da incassare quanto più da questa tassa.

I maggiori rincari si hanno al Nord e al Centro con Roma, Milano e Torino in testa mentre al Sud i sindaci hanno deciso di essere più cauti e per questo motivo le aliquote in alcuni casi (si veda Cagliari) sono anche scese rispetto alla prima casa con agevolazioni per esempio nei confronti di chi offre l'abitazione in comodato d'uso ai figli.

E' stangata totale invece per chi affitta un appartamento e che deve fare i conti con delle aliquote altissime deliberate praticamente in tutte le città, grandi o piccole, d'Italia: l'aumento riguarda sia l'affitto con contratti liberi sia l'affitto con contratti concordati e calmierati, quelli cioè che prevedevano delle agevolazioni fiscali nei confronti di chi affittava.

Per calcolare l’ultima rata dell'IMU 2012 è necessario moltiplicare per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicando l'aliquota stabilita dal proprio Comune deducendo 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni più le singole detrazioni decise autonomamente dai Comuni.
 

Vi consigliamo anche