0 Shares 36 Views 1 Comments
00:00:00
12 Dec

La fonduta di formaggio, ricetta base senza uova

17 novembre 2011
36 Views 1

La fonduta di formaggio è uno dei piatti più preparati in inverno perchè è caldo, si basa sul concetto di condivisione del cibo ed è considerabile il classico comfort food sul quale indugiare quando fuori è freddo; l’unica regola per una buona fonduta di formaggio è di utilizzare dei prodotti buoni e di prima qualità in modo tale che, una volta squagliati, non perdano il loro sapore amalgamandosi con gli altri ma si completino a vicenda.

La fonduta al formaggio dovrebbe essere, almeno secondo la tradizione svizzera, preparata nella caquelon, una pentola in ghisa o terracotta posizionata su una base di ferro scaldata da una fiamma molto bassa che permette al formaggio di squagliarsi senza bruciarsi.

La particolarità della fonduta al formaggio è che la pentola viene messa al centro del tavolo e una volta che il formaggio si è sciolto i commensali intingono pane o verdura direttamente al suo interno favorendo il processo di condivisione del cibo.

Per prepararla servono formaggi vari (fontina, emmenthal, groviera, toma piemontese etc) da adagiare nella caquelon o in un’apposito pentolino da fonduta all’interno del quale vanno versati 4 bicchieri di vino bianco ogni 200 grammi di formaggio da lasciar scaldare; una volta che il vino è caldo basta versare i formaggi partendo dal più duro e mescolare per evitare che si formino grumi lasciando squagliare tutto a fiamma bassa.

Quando è tutto squagliato basta iniziare ad inzuppare il pane o della verdura e il gioco è fatto, con accompagnamento a base di vino bianco per una fonduta davvero unica.

Vi consigliamo anche