0 Shares 16 Views
00:00:00
11 Dec

Nel 2015 Bog Geldof primo musicista nello spazio, per ‘soli’ 100.000 dollari

LaRedazione
12 settembre 2013
16 Views

Se fino ad oggi Bob Geldof era noto al grande pubblico come l’organizzatore del più grande evento che il mondo della musica rock sia mai riuscito a mettere in piedi, il Live Aid del 1985, ora l’ex-leader dei Boomtown Rats si lancia in una nuova avventura.

Geldof infatti ha annunciato oggi che nel 2015 farà parte di una spedizione spaziale, organizzata dalla Space Expedition Corporation che si è messa in testa di addestrare cento persone nel corso del prossimo anno, preparandole ad una missione in astronave.
Il musicista irlandese – che sborserà la rispettabile cifra di 100.000 dollari per suggellare questo sogno – si è detto ovviamente eccitatissimo della nuova impresa. ‘Sono emozionatissimo’ – ha dichiarato Geldof alla stampa – ‘diventerò il primo astronauta irlandese‘.
Faranno parte del gruppo anche il dj Armin Van Buuren e la modella Doutzen Kroes.

Geldof potrebbe essere anche il primo musicista in assoluto a riuscire nell’impresa, perché il precedente tentativo di Lance Bass, ex-componente degli NCYNC, era andato a vuoto.
Come è noto, la preparazione fisica necessaria ad una simile impresa è molto impegnativa. Per questo Geldof comincerà da subito a sottoporsi ad un intenso programma di allenamenti per raggiungere la forma in grado di supportarlo.
Già il prossimo weekend la truppa sarà riunita in Olanda dove le verranno impartite le informazioni base. Il lancio nello spazio sarà effettuato da Curacao, nei Mar del Caraibi e il viaggio avverrà a bordo dello ‘spazioplano’ Lynx X2.

Dopo un periodo di inattività, Geldof negli ultimi tempi è tornato anche alla ribalta con produzioni e iniziative discografico-musicali. Nel 2011 dopo ben nove anni senza dischi (l’ultimo era stato ‘Sex, Age and Death’), ha pubblicato l’album ‘How to Compose Popular Songs That Will Sell Well‘, ultimo atto di una carriera solista senza acuti e con diverse delusioni. L’episodio forse più imbarazzante accadde nel 2006 quando Geldof dapprima rifiutò di esibirsi all’Arena di Milano – dove ad attenderlo c’erano 45 spettatori – e poi cancellò altre date per le scarse prevendite di biglietti.

Ma c’è di più per Bob Geldof, perché i prossimi 12 e 13 ottobre torneranno sul palco assieme dopo ben 27 anni anche i Boomtown Rats, la band da lui stesso capitanata negli anni settanta ed ottanta e scioltasi nel 1986. L’occasione sono due serate al Vicar Street di Dublino, aria di casa che galvanizzerà il vecchio Bob prima di farne un temerario cantante spaziale.

 

Vi consigliamo anche