Psicologhe al semaforo? E’ solo marketing!

Dopo i lavavetri, ecco che a Milano gli automobilisti ai semafori cominciano a trovarsi davanti una nuova figura, altamente specializzata: le psicologhe.

Ai semafori delle zone Loreto, Maciachini e Repubblica sono state infatti avvistate delle psicologhe vere e proprie che, con tanto di camice bianco, assistono quegli automobilisti in coda che vogliono sfogarsi per qualche malessere o dispiacere.

Lo scopo è farli appunto sfogare ed eliminare lo stress e dunque è lecito parlare ma anche gridare, gesticolare, dire le parolacce.

Chiaramente sbigottiti gli automobilisti e c’è chi ha subito pensato ad un’azione di guerrilla marketing: ben detto, perchè in realtà lo scopo non è di far sfogare gli automobilisti ma di invitarli ad andare al cinema a vedere Charlie Bartlett di Jon Poll in cui un adolescente diventa leader della propria scuola perchè sempre pronto ad ascoltare e offrire consigli agli altri.

Niente male no?