0 Shares 9 Views
00:00:00
15 Dec

Sciopero benzinai dal 3 al 5 agosto 2012, tutte le informazioni

17 luglio 2012
9 Views

Primo fine settimana di agosto bollente sulle strade italiane: da venerdì 3 a domenica 5 agosto è infatti stato proclamato lo sciopero dei benzinai aderenti a Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio; ricordiamo però che per legge non si puo' sciperare nei giorni compresi tra il 10 ed il 20 agosto e in quelli tra il 26 agosto ed il 5 settembre.

Saranno chiusi non solo i distributori ma anche i self service sia sulle strade che sulle autostrade e la serrata sarà l'ultima di una serie di iniziative che vedranno protagonisti i benzinai per tutto luglio.

Da mercoledì 18 luglio è infatti previsto l'avvio di un campagna di sensibilizzazione sui problemi della categoria mentre dal 23 luglio scadranno gli accordi per quel che riguarda il tetto massimo di rivendita dei carburanti; dal 30 luglio al 5 agosto, infine, non si potrà più pagare la benzina usando bancomat e carte di credito.

La protesta è legata all'assenza di una legge nazionale che tuteli la categoria dei benzinai che si sente defraudata da parte delle compagnie petrolifere con il benestare dello Stato o comunque senza che questo intervenga per mettere a posto le cose.

Si protesta e si sciopera dunque per il non rinnovo di accordi scaduti, per i tagli e i licenziamenti degli addetti alla distribuzione e per via dei prezzi che sono talmente tanto discriminanti da tagliare fuori dal circuito di vendita parecchi impianti che non riescono a sostenere i costi e la politica dei prezzi attuata dalle compagnie petrolifere di riferimento; tra le mancanze che si criticano al Governo quella di non aver predisposto pagamenti gratuiti per i benzinai e per i consumatori se si sceglie di usare bancomat o carta di credito.

Intanto i prezzi della benzina continuano a salire nei giorni lavorativi salvo poi scendere durante i fine settimana per via degli sconti che molte compagnie applicano per incentivare l'acquisto e le partenze estive.

Nel caso in cui i sindacati decidano di revocare lo sciopero sarà nostra cura aggiornarvi così come se si deciderà di estenderlo o di modificarne svolgimento e modalità.

Loading...

Vi consigliamo anche