0 Shares 9 Views
00:00:00
12 Dec

Stipendi dei parlamentari italiani i più alti d’Europa

3 gennaio 2012
9 Views

Non c’era bisogno di conferma ma l’ufficializzazione relativa al fatto che gli stipendi dei parlamentari italiani sono i più alti di tutti quelli dell’area Ue è l’ennesima dimostrazione che il nostro Paese necessita di rinnovamento sotto parecchi punti di vista in special modo in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo.

Stando ai risultati pubblicati sul sito della Funzione Pubblica e raccolti da un’apposita Commissione, un parlamentare italiano guadagna mensilmente uno stipendio lordo di 11.283 euro a cui si aggiunge una diaria di 3500 euro e una media di 3.690 euro al mese per spese di segreteria e rappresentanza.

Al contrario i parlamentari francesi guadagnano 7.100 euro al mese, gli spagnoli ne guadagnano 2.813, gli olandesi e belgi 8.500 e i tedeschi 7.668.

Va detto che per le spese accessorie l’Italia non è in prima posizione mentre sono i benefit a costituire la voce di guadagno più ingente e che porta il nostro Paese al top della classifica per quel che riguarda i costi della politica: tra questi benefit figurano treni, aerei, navi e autostrade gratuiti.

I parlamentari italiani in buona sostanza guadagnano in media il 60% in più rispetto ai colleghi europei ma per ora sembra difficile che gli stipendi vengano adeguati al resto dell’Europa per tutta una serie di motivi legati ai diversi parametri di valutazione e alle tempistiche strette, proprio come fa notare Mario Sensini sul Corriere della Sera.

Tra le proposte allo studio, in primis la documentazione delle spese da parte del singolo parlamentare così da ottenere semmai dei rimborsi (modello alla francese) quindi la decurtazione sui benefit e in special modo sui voli gratuiti a disposizione dei politici che potranno attingere al fondo messo loro a disposizione dal partito di appartenenza.

Sergio Rizzo sempre sul Corriere della Sera sottolinea come molti dei collaboratori dei parlamentari sono pagati in nero e guadagnano una miseria mentre i loro "datori di lavoro" beneficiano dei soldi destinati proprio ai collaboratori.

Vi consigliamo anche