Una Chiesa on-line

Chi vede la Chiesa come conservatrice anche in campo mediatico, si sbaglia di grosso.

L’arcivescovo di Milano, cardinal Tettamanzi, ha approfittato infatti di YouTube per rispondere ai giovani nelle catechesi quaresimali.

Ma sarebbe strano vedere in questo atteggiamento una novità: su YouTube si trova di tutto…

Basta infatti cliccare alcune parole-chiave, come "Giovanni Paolo II" o "gmg", e di video ufficiali -quelli che in occasioni dei grandi eventi sono stati trasmessi dalle televisioni internazionali- se ne trovano a bizzeffe.

Per non parlare dei tanti video amatoriali, dalle scene montate delle vite dei papi, alle semplici riprese che i ragazzi -e non solo- hanno girato in varie occasioni (pellegrinaggi, incontri con il Papa, ecc.).

Ovviamente, come accade per ogni "evento mediatico" che si rispetti, non mancano le parodie e, talvolta, le dissacrazioni.

Ma qual è allora la novità? La presentazione del nuovo servizio "H2o News", che realzzerà e distribuirà gratuitamente su internet, tv ed emittenti radiofoniche cattoliche "notizie in formato audio, video, e testo in otto lingue diverse sui vari avvenimenti sociali e culturali riguardanti la vita dei cattolici nel mondo".

Monsignor Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio per le comunicazioni sociali, ha subito visto di buon’occhio l’iniziativa.

Una Chiesa informatizzata dunque, in grado di usufruire dei nuovi media.