0 Shares 19 Views
00:00:00
12 Dec

Panico in Cina: un milione e mezzo di scarafaggi in fuga da un allevamento

LaRedazione
26 agosto 2013
19 Views

E’ successo a Dafeng, in Cina, un paese famoso per esportare la sua economia e altro ancora. Milioni di scarafaggi sono (per così dire) emigrati verso altri frutteti, allarmando i cittadini. Insetti utilizzati in questi allevamenti come cavie per la medicina tradizionale, a causa di un sabotaggio, sono scappati dai loro “carcerieri”. L’allevatore Wang Pensheng aveva investito oltre dodicimila euro per l’allevamento di questi scarafaggi.

Ma conosciamolo meglio il protagonista di questa curiosa evasione di massa: trattasi di una varietà di scarafaggio conosciuta come Periplaneta Americana, in cui gli estratti di questi insetti sono utilizzati per curare il cancro, ridurre le infiammazioni e combattere altre malattie. Questo tanto per sottolinearne l’importanza e per far capire alle donne che tanto li odiano che anche gli scarafaggi servono a qualcosa!

Intanto è il povero Wang a rimetterci in termini economici poiché aveva lavorato sei mesi per pianificare al meglio il suo allevamento di scarafaggi. Un allevamento curioso, certo, un po’ sopra alle righe, ma che come abbiamo visto aveva una sua utilità. Le autorità sanitarie locali hanno dovuto inviare cinque ispettori nel territorio per fare un primo rapporto sull’entità del danno e sulle cause del sabotaggio.

Un sabotaggio che al momento è da additare contro ignoti. Le indagini porterebbero a pensare a un presunto nemico di Wang, forse un allevatore di termiti che voleva combattere gli scarafaggi del suo collega? O magari fantomatici esponenti di un movimento per i diritti degli scarafaggi? Le piste possono essere tante, da quelle più assurde a quelle motivate, però resta il grande panico che quest’invasione ha provocato nei frutteti delle zone circostanti, in cui tanti agricoltori hanno visto invadere le loro terre da queste orde di viscidi insetti.

Eppure la Cina è famosa per saper esportare, alle volte anche in un modo poco ortodosso, le sue leggi di Mercato, un’invasione “rossa” che spesso ha fatto allarmare i nostri commercianti che si sono visti invadere da negozi cinesi spuntati come funghi nelle nostre città. La Cina è una terra saggia e millenaria e vogliamo pensare che riusciranno a risolvere con efficacia questo problema, ma forse capiranno anche che vuol dire subire un’invasione, svegliarsi la mattina e vedere le proprie tradizioni offuscate, la propria economia ridotto all’osso. Che questi scarafaggi siano stati inviati dal Signore o, pardon, forse dal mistico Buddha, per chiarire le idee ai nostri simpatici amici dagli occhi a mandorla, di usare politiche meno aggressive per le loro esportazioni, di pensare che il mondo non sia un terreno da coltivare e su cui insediare i propri raccolti e sviluppare la propria egemonia. Pensate che capiranno?

Vi consigliamo anche