0 Shares 8 Views
00:00:00
12 Dec

Ratzinger: ‘Ho lasciato perché me l’ha detto Dio’

LaRedazione
21 agosto 2013
8 Views

Joseph Ratzinger, nominato Papa emerito dopo l’arrivo di Francesco, torna a far parlare di sé: il successore di Wojtyla si sofferma sulle motivazioni che lo avrebbero portato, lo scorso 11 febbraio, a dare le dimissioni da Vescovo di Roma, creando un precedente più unico che raro nella storia della Chiesa. Benedetto XVI, che lo scorso 16 aprile ha compiuto 86 anni, ha rivelato di aver rinunciato al titolo papale perché glielo avrebbe detto il Signore e di aver quindi agito sotto la sua ispirazione.

La notizia è stata divulgata da alcuni portavoce dell’agenzia di stampa Zenit, che nei giorni scorsi avrebbero avuto diversi colloqui privati con Benedetto XVI il quale, sebbene si sia ufficialmente ritirato a vita privata, non disdegna di ricevere visite di tanto in tanto: tuttavia, nel corso di queste udienze strettamente riservate, Ratzinger non si sarebbe lasciato andare a rivelazioni clamorose o a segreti mistici, ma si limita semplicemente a commentare l’operato di Bergoglio, che ha ereditato il suo posto alla guida della Chiesa cattolica.
A quanto sembra, Benedetto XVI sarebbe molto soddisfatto del lavoro che sta svolgendo Francesco da cinque mesi a questa parte, soprattutto per quanto riguarda il ringiovanimento della Chiesa che il mondo richiedeva a gran voce da ormai troppo tempo: una dimostrazione lampante di ciò si è avuta in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù, che quest’anno si è tenuta a Rio, in Brasile, e ha attirato milioni di giovani provenienti da ogni angolo del globo.
In ogni caso, Ratzinger ci tiene a segnalare di non aver assistito a nessuna apparizione dello Spirito Santo o di altre figure della Santissima Trinità, piuttosto si tratterebbe di una serie di esperienze mistiche in cui Benedetto XVI ha preso la decisione di voler trascorrere gli ultimi giorni della sua esistenza raccolto intimamente in preghiera con Dio, consapevole di non avere più le forze e le energie per ricoprire una carica così importante come quella di Pontefice.

Con queste dichiarazioni, quindi, Ratzinger ha chiarito una volta per tutte che con le sue dimissioni non intendeva isolarsi dal resto del mondo, ma chiudersi nella preghiera e approfondire intimamente il rapporto con il Signore. Inoltre, con il passare del tempo, Benedetto XVI sembra sempre più felice di aver preso una simile scelta, soprattutto dopo aver constatato l’enorme carisma che Bergoglio esercita sugli altri, non solo su chi è fedele e crede in Dio. Secondo lui, infatti, questa è un’ulteriore conferma che la rinuncia all’incarico sia stata dettata proprio dallo Santo Spirito, in modo che Bergoglio potesse compiere la sua missione.

Vi consigliamo anche