0 Shares 19 Views
00:00:00
18 Dec

Apple aggira l’embargo. Presto iPad ed iPhone anche in Iran

LaRedazione - 29 agosto 2013
LaRedazione
29 agosto 2013
19 Views

Apple aggira l’embargo, e presto iPad e iPhone potrebbero essere disponibili per la vendita anche in Iran. Una mossa che conferma l’interesse dell’azienda di Cupertino verso il mercato dei paesi in via di sviluppo, con la popolazione dell’Iran che in particolare ha una delle età medie mondiali più basse in assoluto, e che potrebbe dunque accogliere con enorme entusiasmo device come smartphone e tablet targati Apple in un mercato che ancora non conosce determinati standard di qualità. In apparenza c’è solo un problema, cioè l’embargo da parte degli Stati Uniti verso l’Iran che riguarda determinati tipi di prodotti, ed in particolare quelli del comparto tecnologico.

Bisogna sottolineare come il Ministero del Tesoro a stelle e strisce abbia recentemente varato dei provvedimenti che allentano la morsa di questo tipo di restrizioni, ma di contro si sono fatte registrare dichiarazioni da parte della Casa Bianca, per voce del Presidente Barack Obama in persona, che hanno invitato le aziende americane a non intrattenere rapporti commerciali con paesi che potrebbero potenzialmente rappresentare un pericolo per la democrazia occidentale come l’Iran. Apple dal canto suo si attiene scrupolosamente alle disposizioni ufficiali, che prevedono al momento da parte degli Stati Uniti un embargo ufficiale solamente per i cosiddetti ‘stati canaglia’, che al momento comprendono Siria (ormai in cima alla lista con le possibilità di un intervento armato degli Stati Uniti nel paese mediorientale che si fanno di ora in ora sempre più concrete), Corea del Nord, Cuba e Sudan. Non appare dunque l’Iran, ed ufficialmente l’embargo può essere dunque aggirato senza che si staglino all’orizzonte conseguenze di tipo particolare.

Di sicuro come detto l’impatto commerciale di iPad e iPhone in un paese come l’Iran potrebbe essere clamoroso, ed Apple coltivava da tempo la speranza di poter fare breccia in un mercato così potenzialmente ricco come quello dello stato mediorientale. Entro poche settimane dunque potrebbe sbarcare l’artiglieria pesante di Cupertino a Teheran, anche se la questione è ancora lontana dalla parola fine, visto che dovrà essere il Dipartimento del Tesoro statunitense a stabilire se Apple potrà esportare in Iran dispositivi elettronici. Il divieto di Obama pesa soprattutto a livello psicologico, visto che non c’è al momento nessuna norma vigente esplicita che impedisca questo tipo di commercio: l’unico stop all’esportazione potrebbe dunque avvenire per motivi di opportunità, anche e soprattutto alla luce, come sottolineato in precedenza, di quanto sta accadendo in Siria e del ruolo che gli Stati Uniti ricoprono nella zona.

Loading...

Vi consigliamo anche