0 Shares 31 Views
00:00:00
18 Dec

Rc auto: polizze in aumento per la prima classe

Michela Fiori - 17 settembre 2013
Michela Fiori
17 settembre 2013
31 Views

La formula Bonus Malus sembra non esercitare più gli effetti di un tempo. Rischiano di rimanere delusi, e con le tasche più leggere, i milioni di automobilisti virtuosi che popolano le strade d’Italia senza causare nemmeno un incidente. Il mondo dell’Rc Auto invia agli assicurati segnali contrastanti: diminuiscono i costi d’assicurazione al Sud ma sono i cittadini più cauti, quelli per intendersi che stanno nella prima classe di merito a pagare i premi maggiori, a volte con rincari anche superiori all’11%.

L’amara sorpresa arriva dal Focus trimestrale sulla RC auto realizzato dal comparatore online  Facile.it, che ha messo a confronto i dati presenti nel proprio database e ne ha registrato le variazioni di prezzo da maggio a settembre 2013. L’analisi ha interessato i prodotti assicurativi proposti dalla varie compagnie in otto delle principali città italiane: Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Verona. Dalla ricerca emerge che è proprio il profilo più virtuoso, quello in  prima classe di merito, a registrare gli aumenti maggiori.

Se i prezzi scendono laddove erano ai livelli più alti (Napoli -10,6% e Palermo -10,4%), salgono in quasi tutte le altre città considerate, con picchi a Roma (+11,7%).  Nei capoluoghi settentrionali poi al profilo di automobilista migliore sono stati imposti aumenti tariffari che vanno dal +2,0% di Bologna al +7,1% di Milano. L’ unica eccezione è rappresentata da Torino dove il premio è sceso dell’1,8%.

Rimangono sostanzialmente stabili i prezzi riservati a giovani e neopatentati: solo a Napoli si registra un -5,2% rispetto a maggio scorso, mentre l’aumento massimo si limita all’1,1% di  Palermo. Sono forti invece le oscillazioni riservate alle polizze “riservate” alle donne (il focus ha preso in esame i premi riservati alle automobiliste in quarta classe). Si va al calo più significativo registrato a Napoli (-11,2% ) al +12,2% di Firenze, mentre la variazione rimane contenuta a Verona (-0,7%) e a Bologna (-1,1%).

[foto: automobilistait]

Loading...

Vi consigliamo anche