0 Shares 15 Views
00:00:00
12 Dec

Nozze gay in Francia: pronunciato il primo ‘oui’

30 maggio 2013
15 Views

Compiuto primo passo verso la modernizzazione e il futuro del nostro Paese”, dice il Sindaco di Montpellier, la socialista Helene Mandroux, che proprio ieri pomeriggio ha unito in matrimonio Vincent Autin e Bruno Boileau: i due passeranno alla storia come i primi gay sposati in Francia.

Dopo che l’Assemblea francese il 23 aprile aveva confermato il via libera alle nozze e all’adozione da parte di coppie gay, si è “consumata” la prima cerimonia ufficiale: circa 500 invitati ma un matrimonio tutt’altro che sfarzoso; la scelta della sobrietà è forse servita per non dare adito ad ulteriori polemiche, che certo non sono mancate ultimamente, rivelando un'omofobia più che latente nella società francese. Lo scorso 21 maggio a Parigi si era suicidato lo scrittore Dominique Venner proprio per protesta contro la legge pro-unioni, ed erano seguite manifestazioni e scontri nei giorni successivi.

Anche ieri, per la verità, ci sono stati attimi di tensione quando un gruppo di attivisti contrari alle nozze gay ha dribblato le transenne e si è avvicinato pericolosamente all’ingresso del Municipio lanciando fumogeni; la sicurezza è riuscita rapidamente a riportare l’ordine, anche perché si trattava di pochi militanti.

Quindi, alle 18 circa, Bruno Boileau, un dipendente statale di 30 anni e Vincent Autin, impiegato quarantenne, si sono sposati, emozione prima e commozione poi, sventolando con orgoglio il certificato che ne sancisce l’unione di fronte a 200 giornalisti, ma soprattutto di fronte al mondo intero.

Il prossimo 7 giugno si celebrerà il primo matrimonio gay a Parigi, con una cerimonia privata e senza pubblicità. Un primo passo, si spera, verso la normalizzazione, dopo la vittoria della legge Taubira, che prende il nome da quello della candidata alle presidenziali del 2002 e promotrice della legge che introduce i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Michele Antonelli

Vi consigliamo anche