0 Shares 13 Views
00:00:00
11 Dec

Carte di credito ricaricabili, tutto quello che c’è da sapere

La Redazione
23 ottobre 2013
13 Views

Le carte di credito ricaricabili sono carte prepagate che vengono ricaricate e poi utilizzate per effettuare pagamenti o per prelevare denaro agli sportelli. Grazie ad esse non è più necessario avere del contante in tasca e non è necessario avere un conto intestato, coniugano la sicurezza del denaro elettronico alla semplicità del contante.

Si può scegliere l’importo da caricare in base alle proprie esigenze, anche se di solito hanno delle somme massime oltre le quali non si può versare, le stesse dipendono dall’erogatore e dalla soluzione scelta, non vi sono cadenze temporali da rispettare, una volta terminato il credito semplicemente non verranno più accettati i pagamenti. Usano gli stessi circuiti utilizzati dalla carte di credito tradizionali e quindi vengono accettate dalla maggior parte degli esercizi commerciali.
A chi sono utili?
Le carte di credito ricaricabili vengono oggi stipulate soprattutto dai genitori per i figli, anche se minorenni, in questo modo offrono un budget, possono controllare le spese dei figli. Sono utili soprattutto per gli studenti fuori sede, ma anche quando i ragazzi effettuano viaggi e non è sicuro avere del contante in tasca.

Le carte ricaricabili inoltre vengono sempre più spesso utilizzate per lo shopping on line perché ritenute più sicure, si evita di fornire i propri dati bancari e non è necesario avere un conto corrente per effettuare gli acquisti, inoltre, effettuando il pagamento con carta si risparmia l’eventuale costo del contrassegno.
Esse possono essere utilizzate anche per prelevare agli sportelli ATM.
Ultimamente sempre più spesso vengono utilizzate quelle monouso, in questo caso possono essere ricaricate solo una volta, utili soprattutto nel caso in cui si voglia fare un regalo.
Cosa occorre per averne una?
Ecco uno dei vantaggi, burocraticamente è una carta molto agevole, basta un documento di riconoscimento e versare la somma desiderata, può essere intestata anche ad un minore ed è attivabile on line.
Essendo versata con anticipo la somma, non vi sono, a differenza delle carte revolving che possono diventare un peso insostenibile, costi relativi ad interessi da sostenere, mentre vi sono dei costi accessori che sono variabili in base all’istituto erogante e riguardano il costo di erogazione che può arrivare a 30 euro e la commissione di ricarica che di solito non è particolarmente elevata, si tratta di qualche euro.

In caso di furto vi possono essere degli svantaggi perché per ottenere un duplicato i tempi di attesa sono lunghi, mentre appena dopo la denuncia del furto o dello smarrimento la stessa viene bloccata e quindi si riesce, se si è fortunati, a salvare il credito residuo.
Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulle carte di credito ricaricabili.

Vi consigliamo anche