0 Shares 15 Views
00:00:00
15 Dec

Cessione del quinto: le diverse tipologie

La Redazione
12 novembre 2013
15 Views

Può capitare di trovarsi nella situazione di riscontrare difficoltà nel riuscire ad accedere al credito per mezzo degli strumenti più comuni come ad esempio il finanziamento oppure il classico prestito. Questo può essere causato ad esempio da uno storico nel settore creditizio non proprio eccezionale per una serie di possibili ragioni come la dimenticanza nel saldare la rata di un rimborso entro i termini prestabiliti. Tuttavia esiste un altro prodotto che consente di bypassare tali tipologie di problematiche: la cessione del quinto.

La cessione del quinto, è un prodotto finanziario ugualmente finalizzato al credito, ma che a differenza del finanziamento e del prestito, prevede un rimborso che avviene in maniera automatica a prescindere dalle intenzioni del beneficiario, in quanto la rata viene trattenuta direttamente dalla fonte di reddito. Questo consente, agli istituti di credito, di concedere il prodotto in maniera più semplice in quanto sarà il datore di lavoro a dover fare in modo di destinare parte del reddito del beneficiario direttamente per il rimborso del credito ottenuto. Ci sono diverse tipologie di Cessioni del quinto che si differenziano secondo la natura professionale del richiedente, ma tutte basate sul concetto che il massimo importo concedibile sia pari al 20% del reddito mensile da moltiplicare per il piano di ammortamento che soltanto in rari casi può superare le 120 mensilità.

Tra le tipologie più diffuse c’è sicuramente la cessione del quinto per lavoratori dipendenti privati, nella quale il richiedente deve presentare la copia dell’ultima busta paga percepita. Una tipologia leggermente differente è invece quella della cessione del quinto per pensionati, nei quali oltre a fare in modo che il beneficiario destini parte della pensione che percepisce mensilmente alle rate prestabilite nel piano di ammortamento, è richiesta anche una particolare polizza assicurativa. In pratica la polizza deve coprire l’istituto di credito dal rischio di morte del beneficiario.

Tuttavia, anche per i lavoratori dipendenti in alcuni casi è richiesta la sottoscrizione di una polizza assicurativa per eventuale morte oppure perdita del posto di lavoro. Questo significa che il costo del prodotto aumenta in maniera abbastanza sostanziosa. Esiste , inoltre, al cessione del quinto per alcuni categorie specifiche come ad esempio quelle dei pensionati Inpdap. Sostanzialmente, grazie ad alcune convenzioni stipulate nel corso degli ultimi anni, il beneficiario accede alla somma di cui necessità a condizioni economiche decisamente più favorevoli sia per quanto concerne il tasso di interesse e sia per la durata del piano di ammortamento. Oltre ai pensionati Inpdap, ci sono vantaggi anche per i dipendenti statali nonché della pubblica amministrazione.

Loading...

Vi consigliamo anche