0 Shares 15 Views
00:00:00
18 Dec

Prestiti calcolo: come si calcolano rate e interessi

La Redazione - 13 novembre 2013
La Redazione
13 novembre 2013
15 Views

Al momento di richiedere un prestito, è sempre bene effettuare un’operazione preliminare di analisi, effettuando il calcolo di rate e interessi. In questo modo, è possibile trovare non solo il prodotto finanziario più conveniente a livello assoluto, ma anche quello che meglio si adatta alle varie esigenze.

A livello tecnico e giuridico, al momento di stipulare un contratto di prestito entrano in gioco diversi attori: il cliente, che richiede il finanziamento; l’entità bancaria / società finanziaria che lo concede e normalmente anche un notaio che ratifica l’accordo e lo legalizza.
Il creditore, firmando il contratto di prestito e accettandone di conseguenza le condizioni, si impegna alla restituzione dell’importo ricevuto, maggiorato di una certa quota di interessi e di alcuni costi accessori a copertura delle spese dell’istituto bancario.
La liquidazione del debito avviene in un periodo variabile, fissato al momento dell’erogazione del finanziamento, con pagamenti periodici a scadenze fissate. Generalmente, le rate vengono pagate mensilmente, ma in certe occasioni l’arco temporale può venire ampliato a due, tre, quattro, sei o dodici mesi, a seconda di quanto stabilito dal contratto.
L’ammontare della rata mensile varia a seconda del tipo di prestito e, ovviamente, dell’ammontare della somma concessa.
Per legge, la società che concede il prestito deve comunicare il tasso di interesse annuale (TAN).

All’importo da restituire (somma ricevuta più interessi) va normalmente aggiunta una certa quota per le spese accessorie (apertura pratica, bolli, commissioni invio comunicazioni periodiche, eventuale polizza sulla vita stipulata a garanzia).
Per calcolare l’ammontare della rata è necessario effettuare alcuni semplici calcoli matematici.
La rata finale da pagare periodicamente si calcola applicando questa formula: “Capitale x ( P ) / (1- (1 / ((1+P) ^N)))”, dove ‘P’ è il rapporto tra il tasso d’interesse annuo e il numero di rate da pagare annualmente e N è la durata del prestito moltiplicata per il numero di rate.
In alternativa, per evitare facili errori di calcolo che possono dar luogo a malintesi e conseguenti scelte errate, è possibile affidarsi ad uno dei numerosi motori di calcolo esistenti nella rete web.

Scegliere il prestito con la migliore rata per le proprie esigenze è essenziale affinché si possa pagare comodamente il proprio debito senza che questo comprometta la qualità di vita sottraendo risorse troppo elevate dal bilancio familiare mensile.
In pochi minuti, attraverso il calcolo di rate e interessi di un prestito è facile scoprire il miglior finanziamento sul mercato e risparmiare cifre notevoli.

Loading...

Vi consigliamo anche