0 Shares 24 Views
00:00:00
16 Dec

Gli adolescenti italiani impazziscono per Internet e la televisione

dgmag - 17 dicembre 2009
17 dicembre 2009
24 Views

I ragazzi italiani sono sempre più attratti da Facebook e dalla tv: lo sostiene, ribadendo indagini di qualche tempo fa, la Società Italiana di Pediatria nel suo rapporto Abitudini e Stili di vita degli adolescenti.

L’indagine viene condotta ogni anno dal 1997 su un campione nazionale di 1300 studenti delle scuole medie inferiori di età compresa tra gli 12 e i 14 anni.

L’utilizzo tra gli adolescenti del Pc, e di Internet, è cresciuto, dal 2000 ad oggi, in modo costante e netto; se nel 2000 solo il 37% aveva in casa un personal computer e nella grande maggioranza dei casi senza collegamento ad Internet e ad aver navigato in Internet (almeno una volta) era poco più del 5%, oggi il 97% ha un computer in casa (il 16% ne ha addirittura più di due) il 51% (55% delle ragazzi) si collega tutti i giorni ad Internet e il 16,7% lo fa per più di 3 ore al giorno.

Chat e messenger sono utilizzati da oltre il 75% degli adolescenti e circa l’80% è abituale frequentatore di YouTube. Il 41% ha un suo blog, nel quale inserisce prevalentemente foto e musica (e le ragazze, molto più dei maschi, inseriscono anche proprie riflessioni sulla famiglia, le amicizie, l’amore…).

Su Facebook, fenomeno dell’anno, ha introdotto la propria scheda oltre il 50% degli adolescenti (53% delle ragazze) e un ulteriore 17% dichiara di essere in procinto di iscriversi.

Il computer è diventato sempre piu personale e oltre il 54% lo ha nella propria camera con il 21,7% che naviga in Internet la sera tardi prima di addormentarsi.

Dopo due anni di calo, torna a crescere il consumo di televisione da parte degli adolescenti; a guardarla per più di 3 ore è il 23% del campione (25% dei maschi); e sono proprio i grandi fruitori di televisione ad essere i più assidui frequentatori della Rete.

Circa un adolescente su tre dichiara di fumare sigarette (al sud la percentuale dei fumatori sale al 36%). L’8% ha anche dichiarato di farsi le canne; il 5% conosce amici che hanno fatto uso di ecstasy e il 9,1% conosce amici che hanno provato la cocaina .

Il 40% beve vino, il 50% (57% dei maschi) birra, e il 22,4% liquori. E il 13,3% (17,7% al centro Italia) si è ubriacato almeno una volta; il 20,2% trova ragionevole assumere farmaci o integratori per migliorare le prestazioni sportive (era il 18% nel 2008).

Il 66,7% degli adolescenti intervistati dichiara di avere il ragazzo o la ragazza; se ciò non implica che abbiano avuto rapporti sessuali, indica comunque una contiguita’ col sesso. E a questo proposito il 63% dei maschi e il 44% delle ragazze dichiara di avere, sul sesso, tutte le informazioni che ritengono necessarie.

La loro fonte di informazione è il gruppo dei pari (64%) mentre continua a diminuire la percentuale di chi si rivolge ai genitori (mamma 29%, era al 33% nel 2008; papà 17%, era al 19% nel 2008). Il 22% dei maschi e il 14% delle ragazze si affidano, invece, ai forum o alle chat su Internet.

Inizia ad essere ragionevole avere rapporti sessuali completi secondo il 12% a circa 14 anni mentre il 22% indica 16 anni e un altro 22% 18 anni La maggioranza (41,5%) sostiene però che non esiste una precisa età per iniziare a fare sesso.

Per apparire più grandi, l’espediente che gli adolescenti considerano più importante per le ragazze è il truccarsi (lo indica il 21%), poi il modo di vestirsi (16,1%) e, a distanza, (6,8%) il cercare di comportarsi in modo più maturo. Per i maschi, invece, è il modo di vestire (11%).

Le regole che i genitori danno sono considerate adeguate dal 70% degli adolescenti senza differenze tra maschi e femmine anche se oltre il 27% degli adolescenti afferma di rispettarle raramente o mai.

Il 64% degli adolescenti intervistati dichiara di aver assistito a fenomeni di bullismo.

Loading...

Vi consigliamo anche