Amy Winehouse liberata divorzia sul serio?

Arrestata a Londra con l’accusa di aggressione e dopo aver passato una notte in carcere, Amy Winehouse è stata rilasciata con un avvertimento che comparirà sulla sua fedina penale ma che non porterà ad ulteriori procedimenti giudiziari a meno che la cantante non sia nuovamente coinvolta in un reato simile.

"Ha ammesso di aver aggredito l’uomo schiaffeggiandolo con mano aperta e ha accettato la diffida", ha fatto sapere il suo portavoce. "Amy ha collaborato completamente durante gli interrogatori e si è scusata per l’incidente. Ha ringraziato la polizia per la professionalità con la quale ha gestito l’accaduto. Non ci saranno ulteriori procedimenti giudiziari".

Intanto il tabloid inglese The Sun continua a parlare della voglia della cantant di divorziare formalmente dal marito Blake Fielder-Civil, come avevamo già riportato qualche giorno fa.

Il motivo sarebbe legato al fatto che la Winehouse si sarebbe invaghita di Alex Haynes, un suo manager coetaneo che, al contrario del marito, non ha problemi di droga.

Ma siccome gli interessi in gioco sono tanti, l’amore tormentato di Amy e Blake potrebbe continuare a tenere banco anche sugli scaffali delle librerie: la casa editrice Penguin ha infatti offerto un milione di sterline (circa 1,25 milioni di euro) alla coppia se accetterà di mettere per scritto la loro storia. Blake, detenuto nel carcere londinese di Pentonville, ha già acconsentito alla proposta, mentre Amy Winehouse sta ancora discutendo l’accordo.