Amy Winehouse ricoverata d’urgenza a Londra

Continuano ad essere preoccupanti le condizioni di salute di Amy Winehouse che la scorsa notte è stata trasferita d’urgenza al pronto soccorso dello University College Hospital di Londra.

A dare la notizia è stato il suo portavoce, Chris Goodman, che ha fatto sapere che Amy ieri sera "si è sentita male a casa dopo l’assunzione di un farmaco".

Amy è stata ricoverata in osservazione in un ospedale di Londra ma è già stata dimessa in quanto subito le sue condizioni erano state definite stabili.

Il Servizio Emergenze municipale di Londra ha precisato di aver ricevuto una richiesta d’intervento urgente da Camden, il quartiere nel nord della città dove risiede l’artista, e di aver inviato un’ambulanza e un’auto-lettiga attrezzata per i casi difficili.

Il padre della cantante ha dichiarato che la figlia è stata ricoverata per aver mischiato tutte le sue medicine.

Il mese scorso ad Amy Winehouse fu diagnosticato un enfisema polmonare da fumo e suo padre Mitch spiegò ai tabloid che le condizioni della figlia sono gravi al punto tale che anche una sola sigaretta potrebbe costarle cara.

L’uomo dichiarò anche di temere che Amy rischiasse "una morte lenta e dolorosa" se non si fosse convinta della necessità di darsi una regolata.