0 Shares 17 Views
00:00:00
15 Dec

Dopo un calvario di 5 anni è morto Chi Cheng, bassista dei Deftones

Emanuele Calderone
15 aprile 2013
17 Views

Chi Cheng, storico bassista della metal band americana Deftones è morto il 13 Aprile 2013. La notizia è arrivata dopo che il musicista è rimasto in stato comatoso per quasi cinque anni. Il 5 Novembre 2008, infatti, Chi rimase coinvolto in un gravissimo incidente stradale causato da un automobilista ubriaco che lo investì.
Lo sfortunato musicista, conosciuto per essere uno dei più validi e preparati bassisti all'interno dell'intero panorama nu metal, durante la sua carriera ha inciso ben cinque dischi con i Deftones, alcuni dei quali hanno venduto milioni e milioni di copie, raggiungendo posizioni molto alte in tutte le classifiche.

Chi era costretto in ospedale ed è stato in riabilitazione per lunghi anni, a causa del suo stato di coma semicosciente; al suo posto era subentrato nella band Sergio Vega, già amico di tutti i componenti del gruppo.

In questo lasso di tempo la mobilitazione di amici e fan in tutto il mondo è stata commovente. Un sito web, dal nome "One Love for Chi", venne aperto da subito per raccogliere i fondo necessari alle sue cure.

Anche il mondo della musica non lo ha mai perso di vista in questi anni difficili. Fieldy, bassista dei Korn, scrisse una canzone per sostenere il suo collega nelle spese della riabilitazione, mentre la band californiana Dredg gli dedicò un intero album.

Uno dei primi a commentare la terribile notizia è stato Chino Moreno – cantante dei Deftones e suo grande amico – che ha postato il suo commosso saluto su Facebook.

Tra i molti musicisti che hanno voluto salutare Cheng, figurano anche i nomi di Tony Kanal dei No Doubt, Mike Shinoda dei Linkin Park e, non ultimo, Fred Durst dei Limp Bizkit.

La morte di Chi Cheng rappresenta uno shock non indifferente per tutti i fan dei Deftones. Da parte nostra non possiamo che unirci al dolore della famiglia per l'ennesima sfortunata vittima dei pirati della strada.

Emanuele Calderone

Loading...

Vi consigliamo anche