Fotopoli, spuntano i primi nomi dei ricattati

Dopo gli arresti e i fermi eccellenti, spuntano i primi nomi dei personaggi famosi, appartenenti a diverse categorie, coinvolti in Fotopoli, l’inchiesta sviluppatasi a margine di Vallettopoli che vede coinvolti, tra gli altri, il fotografo Fabrizio Corona, l’agente Lele Mora e il produttore Riccardo Schicchi.

Secondo le ultime indiscrezioni (riportate dal Tg5), le fotografie di alcuni personaggi famosi sarebbero state modificate per renderle più pesanti nel momento in cui si andava a chiedere denaro affinchè non venissero pubblicate.

Intanto Fabrizio Corona si è avvalso della facoltà di non rispondere al gip, nell’interrogatorio di garanzia nel Tribunale di Potenza.

Molte richieste di denaro sarebbero state esaudite, altre tentate e altre ancora fallite perchè il personaggio famoso preso di mira si è rifiutato di pagare.

Tra i nomi eccellenti coinvolti in Fotopoli, spunta il nome di Lapo Elkann; secondo il quotidiano La Stampa, infatti, Fabrizio Corona chiese 200.000 euro per evitare la pubblicazione di una video-intervista di Patrizia, il transessuale proprietario della casa dove il rampollo Fiat stava per morire per overdose.

“Corona mi ha detto che aveva l’intervista di quel transessuale”, ha detto Marco Durante, che si occupa dell’ufficio stampa della Fiat, “dove dichiarava tutto quello che era successo quella notte. E poi riportò una serie di porcherie incredibili. Però, se io volevo, lui poteva fermare tutto se avessimo pagato una cifra sui 200.000 euro. Io ho detto che era una cifra fuori da ogni logica”.

E così la Fiat non pagò e Patrizia venne intervistata da Chi, su proposta di Corona e alla presenza di Lele Mora e del giornalista Signorini; “l’intervista me l’ha fatta tutta Signorini”, ha raccontato Patrizia al pm di Potenza Woodcock. “Io non volevo neanche farla. Ma Corona mi disse: Ti do 50.000 euro se la fai. Poi siamo arrivati a 15.000”.

Si ipotizza inoltre che tra i contattati da Fabrizio Corona ci sia anche la figlia di Berlusconi, Barbara, beccata ubriaca fuori da una discoteca di Milano da uno dei paparazzi di Corona. I Berlusconi avrebbero versato a Corona 20.000 euro per evitare che venissero pubblicate quelle foto in cui Barbara appare, secondo le parole di Corona, “con un abito stretto aderente bianco, in atteggiamento molto allegro, sorride insieme a questo ragazzo […] si vede che sono un pò allegrotti, barcollano, si baciano”.

Tra i calciatori coinvolti, Francesco Totti che avrebbe versato a Corona 50.000 euro, seguito da David Trezeguet (25.000 euro), da Gilardino (7.000 euro) e da Coco (6.000 euro); Gilardino ha spiegato al pm di Potenza di aver pagato perchè “mi hanno scattato delle foto in presenza di una ragazza. Sono fidanzato. Ma temevo soprattutto per la mia posizione calcistica, per la mia professione”.

I pm hanno anche ricostruito i modi di agire del gruppo capeggiato da Corona, che si fondava su cinque azioni: il primo è il “procacciamento del materiale compromettente”, seguito dall’“approccio e l’avvicinamento della vittima”, poi la “minacciosa pressione psicologica” che si basa sulle caratteristiche del personaggio preso di mira, e ancora “ulteriore pressione psicologica in caso di titubanza da parte della vittima” attraverso la minaccia che le foto possano essere manipolate per renderle più compromettenti e infine “la richiesta del corrispettivo da pagare”.