Guy Ritchie rifiuta i soldi di Madonna

Madonna vuole assolutamente ottenere l’affidamento dei figli. Ecco perché nei giorni scorsi, negoziando i termini del divorzio da Guy Ritchie, la pop star è arrivata ad offrirgli addirittura 32 milioni di dollari per indurlo a rinunciare ai bambini.

Questo è quanto ha reso noto Randy Taraborrelli, biografo della cantante, intervistato dalla rivista inglese Hello!.

Il regista britannico però ha rifiutato l’esorbitante offerta, anche lui intenzionato ad assicurarsi la custodia dei piccoli, che attualmente si trovano a New York con la madre e la sorellina Lourdes, frutto di una precedente relazione di Madonna.

Proprio la questione dell’affidamento rimane dunque il nucleo di maggiore disaccordo tra Ritchie e la Ciccone, che insieme avevano avuto nel 2000 Rocco, ormai di sette anni, e che, appena due anni fa, avevano adottato il piccolo David Banda, orfano del Malawi, di appena 2 anni.

Dopo l’annuncio del divorzio, la ex coppia comunica solo attraverso gli avvocati; pochissimi sono ormai gli amici in comune, rivela ancora Taraborrelli, tanto più che i tabloid raccontano di Ritchie già consolato tra le braccia di una giovane attrice.

Ovviamente il divorzio più popolare di Londra non poteva che avvalersi di legali d’eccezione: Madonna ha ingaggiato Fiona Shackleton, che rappresentò  Paul McCartney ai tempi del divorzio con Heather Mills.

 

Ritchie ricorre invece ai servigi di Helen Ward, consulente nota per i compensi record ottenuti dalle sue assistite. La battaglia coinvolgerà anche collaboratori e dipendenti, che i team legali hanno assoldato per testimoniare in favore del relativo assistito.