0 Shares 29 Views
00:00:00
15 Dec

Ligabue: ‘Mio figlio ascolta solo la musica metal’

LaRedazione - 29 novembre 2013
LaRedazione
29 novembre 2013
29 Views

Basta un semplice status aggiornato su Facebook a scatenare migliaia di “Mi piace” e centinaia di commenti. A scrivere sul celebre social network è stato Luciano Ligabue, il quale, in poche righe, fa una confessione a tutti i suoi fan. Il figlio Lenny infatti, oltre ad ascoltare le canzoni di suo padre, perché è così che dovrebbe essere, ha una passione smodata per il genere metal. Ligabue fa anche un paio di nomi, quello dei Metallica, “liscio” per il quattordicenne Lenny, e i Cannibal “Corps” (Corpse).

Il caso ha suscitato alquanto scalpore soprattutto per la rinomata riservatezza dell’artista, in particolar modo a tutela dei propri figli. Proprio per questo prende piede l’ipotesi che questo status aggiornato sia in realtà una sorta di sfogo fatto ai propri fan, in qualità di semplice padre, che nota, con un po’ di dolore e amarezza, che il proprio ragazzo è col tempo diventato un metallaro. Di per sé la cosa non sarebbe affatto da condannare, anzi. Il problema però è che il padre in questione è un musicista affermato, adorato in tutte le regioni d’Italia ormai da molti anni, e pensare che al proprio figlio non piacciono le sue canzoni non è il massimo della vita.

Risale soltanto allo scorso anno l’intervista rilasciata da Ligabue a Vanity Fair, nella quale faceva riferimento proprio a Lenny. E’ un adolescente, diceva, il cui talento è palese. Già a due anni, raccontava Luciano, riusciva a tenere in mano le bacchette e a seguire il tempo dei Nirvana. Il suo orecchio è migliore del papà, come lui stesso confessa, ma preferisce fare da solo.

Eppure un primo approccio c’era stato con il lavoro del padre, dal momento che un giovanissimo Lenny aveva preso parte, come chitarrista, al disco “Arrivederci, mostro!“. L’idea però non era stata di suo padre, fin troppi preoccupato dalla possibilità di presentarlo alle scene con l’etichetta di “Figlio di…”, bensì di Michael (batterista) e Corrado (produttore artistico).

I commenti a tale sfogo sono i più svariati. C’è il classico utente che collega metal a droghe e commenta: “Allora comincia a preoccuparti!!”, e il precisino: “Ma chi diavolo sono i Cannibal Corps? Io conosco i Cannibal Corpse…”. In tanti non conoscono affatto le band citate, e qualcuno ne approfitta per rimarcare il proprio amore per il made in Italy: “La mia piccolina ascolta lo (zio) LIGA e la (zia) GIORGIA”. Non manca però la polemica ed ecco spuntare dei non richiesti protettori della sanità musicale del giovane Lenny: “meno male ke almeno tuo figlio non sta prendendo da te”.

Loading...

Vi consigliamo anche