Pubblicità occulta in tv, tapiro a Mara Venier

Dopo aver smascherato la questione della pubblicità occulta in tv e aver omaggiato Cristina Chiabotto di un tapiro d’oro, ieri sera Striscia la notizia ha voluto premiare con il tapiro anche una delle grandi protagoniste dello "scandalo", Mara Venier.

Valerio Staffelli le ha infatti consegnato il tapiro per il procedimento aperto a suo carico dalla Autorità Antitrust, presieduta da Antonio Catricalà, dovuto al fatto di aver mostrato in tv una linea di gioielli da lei sponsorizzata.

"Io sono arrabbiata con Catricalà perché vuole che vada in onda in mutande", ha dichiarato la Venier. "Sono per la legge, però me la si deve spiegare. L’importante è che qualcuno ci spieghi cosa possiamo mettere e cosa no. Io sono la testimonial, è vero, ma non sono pagata per indossare i gioielli in tv. Io metto le cose che mi piacciono: Dott. Catricalà, mi dia delle spiegazioni, mi convochi, mi dica. Vogliamo essere a posto con la nostra coscienza".

Riflettendo sulla disposizione dell’Antitrust la conduttrice ha aggiunto: "per esempio Gigi d’Alessio non può andare in tv a promuovere un suo disco ma dovrà andare a promuoverne uno di Albano e Albano uno di Morandi. Vespa dovrà andare a promuovere un libro di qualche altro scrittore… c’è un gran casino. Credo facciate molto bene con questa inchiesta, vi chiedo di proseguire perché di materiale ne avete tantissimo. Valeria Marini indossa in televisione i suoi vestiti, i suoi costumi e Simona Ventura disegna tute…"

La Venier ha poi concluso con un appello al presidente dell’Antitrust: "signor Catricalà vogliamo chiarezza".