0 Shares 18 Views
00:00:00
18 Dec

Perdere chili senza sacrifici? Con la dieta Nordica è possibile

dgmag - 10 aprile 2009
10 aprile 2009
18 Views

Famose per la figura longilinea ed il fisico tonico, le donne del nord Europa svelano il loro segreto: la dieta!

A dimostrarne l’efficacia sono i dati di un recente studio, secondo cui è della Scandinavia il tasso più basso di obesità in Europa. L’arma segreta? Aringhe, salmone, frutti di bosco e pane di segale, in aggiunta alla tradizione culinaria che prevede piccole porzioni ed uno stile di vita attivo. Una ulteriore conferma della bontà di questa tesi è l’aspettativa di vita. Da una statistica del 2006 si evince infatti che in Scandinavia gli uomini vivono, in media, fino ai 79 anni, mentre le donne raggiungono facilmente gli 83.

La dieta Nordica è tradizionalmente basata sulle proteine, specialmente sulla carne rossa magra e sul pesce, oltre alle verdure che crescono naturalmente in quelle terre, ricche di antiossidanti ed omega-3.

Secondo il professor Astrup, docente alla University of Copenhagen in Danimarca e a capo dell’International Association for the Study Obesity, esistono prove evidenti del fatto che il grasso della carne è più salutare di quanto creduto fino ad ora. Dopo uno studio su 250 tra uomini e donne, il Professor Astrup ha evidenziato la capacità delle proteine di velocizzare il metabolismo e donare un senso di sazietà prolungato.

Ma non basta la qualità, gli Scandinavi infatti mangiano meno ma più spesso. Un esempio è lo "Smorgasboard", un buffet che viene tradizionalmente servito con aringhe speziate, salmone, carni fredde ed insalate, polpette e salsicce ed infine frutta, formaggio e dolci, assaporati lentamente e spesso, fino alla sazietà, al contrario della dieta Mediterranea che prevede abbondanti porzioni di ogni portata, che rallentano il metabolismo e danno una sensazione di pesantezza.

Ha dunque la dieta Mediterranea trovato finalmente una degna concorrente? Ai posteri, più magri ed in salute, l’ardua sentenza!

Loading...

Vi consigliamo anche