0 Shares 6 Views 3 Comments
00:00:00
11 Dec

Dieta Lemme, cos’è e come funziona

6 giugno 2011
6 Views 3

Una tra le diete più famose che viene costantemente riproposta all’inizio di ogni estate è la dieta Lemme, nata da un farmacista brianzolo che ha però ribattezzato questo "regime" come una vera e propria filosofia.

La sua particolarità, promette l’ideatore, è di permettere un rapido e drastico dimagrimento al punto che si parla di numeri altissimi: dai 7 ai 10 kg ogni mese in quanto si basa non sul calcolo delle calorie ma su parametri che, combinati, consentono di gestire al meglio ciò che si mangia.

Tra i parametri presi in considerazione troviamo l’indice glicemico, la composizione chimica ma anche l’ora alla quale vengono assunti determinati alimenti e come vengono combinati tra di loro: sono questi elementi, sostiene il Dottor Lemme, a consentire al fisico di trovare il giusto equilibrio e rimettersi in forma senza sforzi.

Come tutte le diete, anche la Lemme si basa su due fasi: la prima, la vera e propria fase di dimagrimento, è la principale e definisce il tipo di alimenti e le quantità che si devono assumere se si vuole perdere peso. Dura un tempo pari ai risultati che si vogliono ottenere per quel che riguarda le modifiche di peso, circonferenza e metabolismo.

La seconda fase, l’educazione alimentare, dura invece tre mesi e porta a reintegrare gli alimenti eliminati fino ad arrivare ad una vera e propria personalizzazione del menù.

Ogni dieta viene personalizzata in base alla persona ed è per questo che Lemme sostiene di basare il suo metodo sulla scienza nonostante esista una sorta di tabella di marcia valida per entrambi: per esempio la colazione va fatta aò massimo entro le 9,30, lo spuntino tra le 10 e le 11, il pranzo tra le 12 e le 14, la merenda tra le 16 e le 17 e la cena tra le 19 e le 21.

Per quel che riguarda gli alimenti da eliminare dalla dieta, ecco la lista: zucchero, dolcificanti, aceto, pane, latte e derivati e sale va abolito, non va messo neppure nell’acqua della pasta.

Carne e pasta non vanno mai abbinati ma è incoraggiato l’utilizzo di spezie ed erbe aromatiche come peperoncino, pepe, prezzemolo, aglio, limone, salvia, rosmarino, basilico, timo, cipolla e crusca.

Altra particolarità di questa dieta è l’anomalia dei pasti: Lemme prevede che si debbano/possano consumare pasta e carne a colazione per sostituire per esempio il latte con i biscotti ma questa idea non ha fondamento scientifico.

La dieta Lemme può causare stitichezza, gonfiore e carenza di micronutrienti per cui se è vero che permette un dimagrimento rapido, come tutti i regimi drastici va seguita solo e soltanto se si ha reale bisogno di dimagrire e soprattutto sotto consiglio e supervisione di un medico.

Vi consigliamo anche